ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La Fondazione Feltrinelli a Milano ha una nuova sede firmata Herzog & De Meuron

Inaugurata nel capoluogo lombardo la prima opera pubblica italiana dello studio svizzero artefice della Tate Modern di Londra

fondazione-feltrinelli-milano-herzogdemeuron
Filippo Romano

MILANO, VIALE PASUBIO. FELTRINELLI PORTA VOLTA È IL NUOVO (E PRIMO PROGETTO PUBBLICO IN ITALIA) DI HERZOG & DE MEURON, VOLUTO DAL GRUPPO FELTRINELLI. SORGE SUL TRACCIATO DELLE ANTICHE MURE SPAGNOLE, INSERENDOSI CON RISPETTO NELL’URBANISTICA DELLA CITTA’. UN’OPERA DI CEMENTO E VETRO CHE SI STAGLIA SUL CONTESTO ONORANDONE PERO’ TRADIZIONE E IDENTITA’. COMPRENDE DUE EDIFICI ADIACENTI: UNO, APPENA INAUGURATO, SEDE DELLA FONDAZIONE FELTRINELLI. L’ALTRO DIVENTERA’ IL NUOVO QUARTIER GENERALE DI MICROSOFT ITALIA

Milano non solo capitale della moda e del design, ma anche dell’architettura.Non solo Hadid, Isokazi e Libeskind a CityLife, Rem Koolhaas con la Fondazione Prada e i grattacieli e il Bosco Verticale di Porta Nuova (leggi anche → Inaugurato il Bosco Verticale a Milano). Oggi la città porta la firma anche di Herzog & de Meuron, che proprio qui hanno appena inaugurato il loro primo progetto pubblico italiano: Fondazione Feltrinelli Porta Volta.

Si tratta di un’opera voluta e promossa dal Gruppo Feltrinelli come nuova sede della propria Fondazione e nuovo spazio per la città, segno anche della rivitalizzazione dell’area di Porta Volta

Foto di: Filippo Romano

La costruzione, in cemento a vista e vetro, è una stecca lunga circa 200 m e larga 16, dove il tetto diventa un tutt’uno con la facciata dell’edificio.

Seguendo il tracciato delle antiche mura spagnole e delle circonvallazioni, si staglia su viale Pasubio, rinnovando sì l’estetica della zona, ma con grande rispetto per l’urbanistica e la storia architettonica di Milano.

Foto di: Filippo Romano

La costruzione, realizzata dall’impresa CMB, comprende due edifici contigui, separati da uno stretto passaggio: una parte appunto accoglie la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, appena inaugurata, e l’altra sarà da febbraio il quartier generale di Microsoft Italia.

Le parole chiave di questo progetto di Herzog & de Meuron sono: scala, ripetizione e struttura. Feltrinelli Porta Volta si ispira alla semplicità e all’imponente scala delle architetture milanesi come l’Ospedale Maggiore, la Rotonda della Besana, il Lazzaretto e il Castello Sforzesco. E anche al tratto lungo e lineare delle tipiche cascine della campagna lombarda, già punto di riferimento di Aldo Rossi e del suo progetto al Gallaratese. E il collegamento anche al gotico.

Foto di: Marco Carrieri

La parte della Fondazione Feltrinelli, che si sviluppa su cinque piani e un interrato, non solo accoglie il preziosissimo archivio bibliotecario del centro di ricerca Feltrinelli (qualche numero:12 km lineari, 270.000 volumi e 16.000 periodici) ma, tra il design e gli arredi Unifor, Artemide e Fritz Hansen, offre anche spazi di incontro, scambio e mostre per la città, una sala lettura, e una libreria con caffetteria al piano terra.

Foto di: Marco Carrieri

Spiega il Dottore Massimiliano Tarantino, Segretario Generale di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli: “Con i suoi vuoti e pieni, e il rapporto tra il dentro e il fuori, il progetto crea un luogo dialogico con il cittadino. Il progetto di Herzog & de Meuron illustra elementi di forte contatto con noi: il rispetto delle tradizioni e l’estrema modernizzazione e lo sguardo in avanti. Questi sono anche i nostri connotati: come centro di ricerca lavoriamo sulla storia contemporanea per trovare delle soluzioni di future. Per noi così questo posto è il Luogo dell’Utopia Possibile”.

Il luogo inoltre stabilisce un grande valore per la famiglia Feltrinelli stessa: qui infatti sorgeva alla fine dell’800 la loro azienda di legnami.

Foto di: Filippo Romano

“Milano oggi ha riscoperto un dinamismo che la vede capace di realizzare progetti internazionali, dalla nuova Fondazione Feltrinelli alla riqualificazione di Porta Nuova e alla Fondazione Prada, che rendono Milano sempre più attrattiva”, dichiara Manfredi Catella, Amministratore Delegato di COIMA SGR, società che ha gestito tutto il progetto per conto del Fondo Feltrinelli Porta Volta.

Un’altra pietra così per una Milano sempre più fiera e internazionale. E, a febbraio 2017, con l’inaugurazione degli spazi Microsoft, anche sempre più tecnologica.

www.fondazionefeltrinelli.it
www.unifor.it
www.dada-kitchens.com

SCOPRI ALTRI PROGETTI DI HERZOG & DE MEURON:

→ Herzog & De Meuron per la filarmonica di Amburgo

Herzog & De Meuron firmano l'ultima architettura del Vitra Campus

 Tate Modern: Herzog & De Meuron raddoppiano il museo londinese

 


di Caterina Lunghi / 16 Dicembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Quanto conosci Frank Lloyd Wright?

Un ritratto fotografico in 532 edifici, molti dei quali dimenticati

Costume

[Architettura]

Pistoia Reloaded

Itinerario alla scoperta del volto contemporaneo della città

itinerari

[Architettura]

Gli occhi delle torri

Le foto di Laurent Kronental scattata dalle Tours Aillaud

costume

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web