ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Frank Gehry e Maya Lin tra i vincitori della Presidential Medal of Freedom 2016

Tra le 21 personalità di spicco scelte da Barack Obama, il Premio Pritzker canadese e l'architetto statunitense

Barack Obama, il presidente uscente che col suo composto e spontaneo carisma ha saputo conquistare – pur non senza critiche – il mondo intero, si appresta a lasciare il proprio posto alla Casa Bianca per cedere il passo al nuovo (già troppo chiacchierato) presidente eletto.

Il lavoro dell'uomo del Yes We Can però è tutt'altro che concluso. Parallelamente all'impegno per una transizione 'pacifica e di successo' che lo vedrà ancora al centro della scena accanto a Donald Trump fino a fine anno, Obama ha un'agenda ricca di impegni. Concluso l'ultimo viaggio in Europa nei panni di presidente, si appresta ora ad assegnare la Presidential Medal of Freedom, tra le massime onorificenze assegnate dal governo a stelle e strisce a chi si è dimostrato particolarmente meritorio nel portare avanti interessi di valore nazionale.

L'appuntamento è alla Casa Bianca per il prossimo 22 novembre, ma i vincitori sono già stati annunciati e, nella lunga lista di attori, cantanti, sportivi, scienziati, produttori, avvocati, educatori, filantropi spiccano i nomi di due architetti.

Sono Frank Gehry, architetto canadese naturalizzato statunitense Premio Pritzker 1989 tra i massimi esponenti della corrente Decostruttivista e Maya Lin, architetto e scultrice statunitense celebre per essersi aggiudicata, ancora studentessa, il concorso pubblico per la progettazione del Vietnam Veterans Memorial a Washington D.C.

Si tratta di un «tributo per chi ha contribuito a portare avanti il nome dell’America e si è impegnato per cambiare il mondo. Scienziati, filantropi, funzionari pubblici, attivisti, atleti e artisti. Premiamo 21 persone che hanno ispirato milioni di persone».

Tra i nomi celebri dell'architettura che si sono aggiudicati il premio in passato: Mies van der Rohe nel 1963, Buckminster Fuller nel 1983 d I.M. Pei nel 1993.

LEGGI ANCHE  Le elezioni USA viste da architetti e designer


di Chiara Chioda / 18 Novembre 2016
tags:

Premi

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web