ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Genova la rigenerazione urbana passa per la street art

Si chiama The Walk Line ed è un progetto di Emanuela Caronti che colora i grandi piloni della Sopralevata, storica strada che separa il mare dalla città

genova-street-art-sopraelevata-walk-the-line
© walkthelinegenova

La città di Genova si rigenera sotto lo sguardo vigile di uno dei personaggi del noto street artist Sea Creative

A Genova la Sopraelevata, una strada a scorrimento veloce che dagli anni sessanta corre a diversi metri d’altezza lungo tutta la costa, ha da sempre separato la città dal mare. Un tempo confine invalicabile del porto ora insignificante infilata di piloni blu, ma qualcuno ha visto in questa incombente infrastruttura un grande potenziale per il rilancio della città, come ci racconta l’architetto Emanuela Caronti, ideatrice e curatrice di Walk The Line, innovativo progetto che coniuga rigenerazione urbana e street art.

© walkthelinegenova - Alex Senna (in primo piano) e Seacreative (sullo sfondo) alla stazione marittima di Ponte dei Mille

“Walk the Line nasce circa due anni fa con un triplice obiettivo: trasformare l'immagine della città creando una grande galleria d'arte a cielo aperto; far conoscere Genova attraverso la street art e infine sdoganare questa nuova forma d'arte associa ancora troppo spesso al vandalismo.”

© Stefano Zino - Orion (in primo piano) e Yama, Blef, Dado, Joys (a seguire sullo sfondo) all’ingresso dell'Acquario in Piazza Caricamento 

100 artisti x 100 piloni x 100 canzoni è un'operazione molto ambiziosa, ma ci piacciono le grandi sfide” ci spiega ancora Emanuela Caronti. “Il progetto prevede la partecipazione di artisti già affermati, affiancati da giovani emergenti. Se in un prima fase gli artisti sono stati contattati e invitati da noi, a distanza di un anno si è innescato un meccanismo virtuoso in cui sono gli artisti stessi a proporsi.

© walkthelinegenova - Silvia Giuseppone (in primo piano) e Drina A12 & Giuliogol, Ruben Carrasco, Combo Culture Kidnapper (a seguire sullo sfondo) vicino a Galata Museo del mare

“Il tema conduttore del progetto può essere sintetizzato nel rapporto tra città e porto e la selezione che noi stiamo effettuando si basa su una classificazione per tre macro aree: graffiti/writing, new muralismo, stencil/poster art.”

© Stefano Zino - pilone 64 di Caterina Piccardo 

© Stefano Zino - pilone 86 di Shen 2

“A fine ottobre concludiamo la prima fase del progetto con all’attivo 20 piloni decorati, 20 canzoni, 1 mostra al museo di Arte Contemporanea Villa Croce e 6 incontri/dibattiti a tema street art.”

© Stefano Zino - pilone 104 di Dado

 

© Stefano Zino - pilone 103 di Blef 

“Il progetto vive grazie a campagne di crowdfunding, sponsorizzazioni e forme di "adozioni dei piloni" da parte di aziende o attività commerciali locali e internazionali. Questo fa sì che il progetto si stia trasformando in un'azione collettiva in cui artisti, abitanti, società civile e turisti si riconoscono. La dimostrazione è il sempre maggior interesse che tutti stanno mostrando.”

© Stefano Zino- dettaglio del pilone 105 di Joys

www.walkthelinegenoa.it

SCOPRI ANCHE:
La street art di Felipe Pantone
La street art secondo Gucci


di Eugenia Murialdo / 14 Settembre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Modernismo e utopia on the beach

Viaggio a Fire Island, la terra promessa degli anni '70

Itinerari

[Architettura]

Come cambierà la Tour Montparnasse

Il progetto di ristrutturazione della Tour Montparnasse? Naturalmente green.

progetti

[Architettura]

Sostenibilità newyorkese

Nasce su Roosevelt Island il nuovo centro Bloomberg progettato da Morphosis

uffici di design

[Architettura]

Zaha Hadid segreta

A Praga i 50 progetti mai visti di un genio creativo

Zaha Hadid

[Architettura]

The Deuce, Time Square 1980

30 anni e una rivoluzione nel cuore della Grande Mela

progetti

[Architettura]

Casa Emercency a Milano

Una vecchia scuola abbandonata rinasce nel progetto di TAMassociati

edifici pubblici

[Architettura]

Al Louvre Abu Dhabi 7850 stelle

Il museo disegnato da Jean Nouvel apre negli Emirati

Musei

[Architettura]

Lost Utopias, la fiaba di Expo

Quel che rimane delle World's Fair raccontato per immagini

libri di design

[Architettura]

La Biennale di Chicago

CAB 2017: L'architettura ha bisogno di guardare ancora al passato?

eventi

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web