ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Cavoli, conchiglie e capsule spaziali, il favoloso mondo brutalista di Gerard Grandval

Da Les Choux de Créteil all’iconica boutique Cacharel, viaggio alla scoperta di un genio del brutalismo, nemico giurato dei cubi e della banalità

gerard-grandval-architettura-brutalista

Gerard Grandval è l’anti-cubo. Celebre per Les Choux de Créteil, le sue “case fiorite” alla periferia di Parigi, l'architetto francese ha trascorso tutta la vita a combattere gli edifici rettilinei e senz'anima, le forme standard, ovvie e pulite, del tutto prive di mistero. E sulle soglie dei novant'anni ancora rivendica con orgoglio le sue scelte.

Studente di Belle Arti, Grandval ebbe il pregio di scordare in fretta ciò che i libri gli avevano insegnato. Assorbì invece prontamente le nuove utopie brutaliste che iniziavano a diffondersi dopo la Seconda Guerra Mondiale. Le città che risorgevano dalla macerie avevano bisogno di visionari, e non semplici architetti. In un momento in cui tutto sembrava possibile, Grandval fu uno di loro.

Plasmare il futuro per migliorare la vita delle persone era ciò che lo muoveva. Un ideale che difese con estrema tenacia anche quando i suoi progetti apparivano folli, irrealizzabili. Come quelle case fiorite appunto. Era il 1966 e finanziatori e colleghi storsero il naso davanti a quelle torri bizzarre che sembravano atterrate da un altro pianeta. Che senso aveva costruirle a Créteil, un sobborgo anonimo a sud di Parigi, per farne alloggi popolari? Non sarebbero stati molto più adatti i soliti vecchi cubi? Non per Grandval, che si battè fino a quando le sue case brutaliste non videro la luce, nel 1974. Dieci torri cilindriche prefabbricate, ciascuna alta 15 piani e con un diametro di 50 metri, con giganteschi balconi curvilinei in calcestruzzo ampi fino a due metri. Qualcuno ci vide delle pannocchie, qualcun'altro delle mostruose dalie (del resto quella era una zona agricola), ma fu la campagna pubblicitaria del 76, dettata dall'esigenza di piazzare i molti appartamenti rimasti invenduti (troppo strani e scandalosi) a dare loro il nome con cui sono passate alla storia: Les Choux de Créteil, i Cavoli di Créteil.

Un post condiviso da Artem Zavarzin (@zzuzya) in data:

 

Un post condiviso da Paris à cœur (@parisacoeur) in data:

 

A quella definizione un tantino dissacrante Gerard Grandval ormai è affezionato: i suoi balconi a forma di petalo, divenuti simbolo di un’epoca e patrimonio storico di Parigi, non sono però soltanto un enunciato estetico, come tiene sempre a sottolineare. Dietro la loro sagoma avvolgente c'è un preciso intento funzionale, in linea coi dettami dell‘architettura brutalista. Chiusi nel loro fiore, gli abitanti degli appartamenti sono al riparo dal mondo esterno e possono contare su un bilanciamento perfetto tra luminosità e privacy. Gli appartamenti poi sono piuttosto piccoli: il balcone così protetto fa sì che anche l'esterno sia vivibile, come un giardino d’inverno. Grandval avrebbe voluto aggiungere al progetto delle viti rampicanti che rendessero le case ancor più vive, capaci di mutare insieme alle stagioni, ma la sua idea fu bocciata: troppo laboriosa la manutenzione, troppo elevato il rischio di attirare gli insetti. È questo il solo rammarico che gli resta. Le piante però riuscì a metterle almeno in cima alle torri, nelle terrazze-giardino che le coronano.

Oggi il complesso residenziale è ancora saldamente al suo posto, rinnovato nelle aree comuni, destinato sempre ai cittadini meno abbienti e per un quarto agli studenti che arrivano a Parigi da tutto il mondo. Per Gerard Grandval rappresenta la testimonianza tangibile della sua strenua opposizione alla banalità, un esempio di come la bellezza passi attraverso l'esaltazione dei volumi e la forza della materia, la prova soprattutto che anche con un budget ridotto si può aspirare a qualcosa di speciale, qualcosa di più di un cubo.

Sebbene eclissate in un certo senso dalla straordinaria fama de Les Choux de Créteil, anche le altre opere di Gerard Grandval raccontano la stessa storia. Pensiamo agli uffici-bozzolo o alle case-conchiglia. Nel primo caso, la boutique Cacharel sugli Champs Elysee divenne l'occasione per sperimentare forme e materiali inconsueti: Grandval popolò una stanza chiusa di tante micro-stanze, capsule di plastica colorate e futuristiche tra le quali si stagliava l'ufficio del capo, un bozzolo di plexiglas in cui ogni cosa era trasparente, persino il telefono. Così il capo poteva vedere tutti ed essere visto da tutti.

La stessa fascinazione per gli angoli smussati e gli spazi circoscritti si ritrova negli Chalet Coquilles, costruiti a Plagne, in Savoia. Grandval immaginava la casa in montagna come una propaggine del paesaggio, mimetica, compatta, morbida e arrotondata come un cumulo di neve. Ideò dunque un prototipo che si poteva montare in una settimana: un semplice guscio di legno rivestito di poliestere, agganciato a una piattaforma di acciaio e cemento, con un balcone che stavolta non richiama un petalo, ma il ponte di una nave, proteso verso il panorama.

Un post condiviso da Gérard Grandval (@gerardgrandval) in data:

   

Un post condiviso da Gérard Grandval (@gerardgrandval) in data:

Grandval applicò il medesimo concept anche agli Ostelli della gioventù, conchiglie tutte colorate, adagiate sull'erba o sopraelevate, con finestre e stampe tonde o a mezzaluna a decorarne la facciata. Di nuovo, rigorosamente, anti-cubo.

L'eredità che ne ricaviamo è un inno potente alla fantasia, una visione dell'architettura “sociale” e militante, secondo cui ciò che è utile ed economico non dovrebbe mai rinunciare ad essere anche unico e bello.

LEGGI ANCHE:

Ristrutturare una casa sulla spiaggia aggiungendo un piano

In Cina una chiesa sospesa sull'oceano

 


di Elisa Zagaria / 3 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

[Architettura]

Berlino città verticale?

Upper West Tower, cronache dalla Berlino dei grattacieli

costume

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web