ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I grattacieli più alti che vedremo nel 2018

Ecco la top ten degli edifici che raggiungeranno la loro massima altezza durante il nuovo anno, tra new entry e rinvii

grattacieli-2018
Courtesy photo: Extell Development Company

Quando si parla di costruire grattacieli, gli esperti usano andare un po’ per il sottile: c’è un’espressione precisa per raccontare quella fase dei lavori in cui gli altissimi edifici sono già stati innalzati in tutta la loro altezza, anche se non sono ancora completati (per esempio negli interni). Quell’espressione è “topping out”, e suona un po’ come “raggiungere il massimo”. Dato che un anno ci ha appena lasciati e dobbiamo familiarizzare con quello nuovo, scopriamo insieme la top ten dei grattacieli più alti che sorgeranno nel 2018, ovvero che che verranno completati in altezza durante quest’anno. Le fonti sono un database ufficiale, questo qui, i cui dati sono stati incrociati da Thespaces con quelli forniti dai siti dei costruttori. Tenetevi forte, se pensavate che la Cina sarebbe stata al primo posto, non è così. Il primato va… agli Stati Uniti. 

Courtesy photo: © SOM

Al 10° posto c’è il Greenland Group Suzhou Center. 358 metri, 77 piani. Sarà completato nel 2019 nella città portuale di Suzhou, a ovest di Shanghai. Il progetto è dello storico studio statunitense SOM (Skidmore, Owings & Merrill LLP) e prevede un risparmio energetico del 60% sulla media dei grattacieli americani. Sarà il secondo per altezza in città e avrà una “finestra ad atrio” di 30 piani, che agirà come “polmone dell’edificio” favorendo la ventilazione.

 

Courtesy photo: © ECADI (c)

9° posto: la Golden Eagle Tiandi Tower A. Sempre in Cina, ma a Nanjing, città sul fiume Azzurro. Di 368 metri e 76 piani, è progettata da uno studio locale e sarà la più alta di un complesso di tre torri - il Golden Eagle Square Plaza - che si ergeranno su una piattaforma comune nel nord del Huxi central business district. I tre grattaciali saranno collegati da ponti a 200 metri d’altezza.

Courtesy photo: a sinistra © John Pedersen Fox Associates via CTBUH. A destra: © Marshall Gerometta via CTBUH.

All’ottavo posto troviamo il 30 Hudson Yards, noto anche come Manhattan Tower o Hudson Yards North Tower. Siamo quindi a New York City, dove lo studio Kohn Pedersen Fox Associates porterà questo edificio di 386 metri e 73 piani, nuovo centro per il commercio retail e la cultura. Fa parte di un mega progetto di riqualificazione urbanistica della zona sull’Hudson river. Insieme al vicino 10 Hudson Yards, con cui condivide il podio d’ingresso, dovrebbe dar vita a una “città nella città”, quando sarà completato nel 2019. 

Leggi anche → 5 ristoranti sull'Hudson River

Courtesy photo: © SOM

Al posto numero 7 c’è la Corea del Sud, con la LCT Landmark Tower. 412 metri, 101 piani, sarà completata nel 2020. Darà alla città di Busan il secondo grattacielo più alto del paese, destinato a ospitalità marittima e conferenze. Sarà affiancato da due torri di 85 piani ed è anche questo firmato da SOM. La struttura è in cemento. 

Courtesy photo: © JDS development group.

6° posto: eccoci di nuovo a New York City. Immaginate di abitare in un palazzo di 435 metri. Tanti sarà alto il 111 West 57th Street. Questo grattacielo residenziale si avvia ad essere, una volta completato nel 2019, uno dei più alti di Manhattan, e dei più snelli del mondo. L’uso della terracotta e del bronzo omaggia l’età dell’oro dei grattacieli di Manhattan. Dall’alto dei suoi 82 piani si annuncia una vista mozzafiato su Central Park e tutta la città. 

Courtesy photo: © Pelli Clark Pelli via CTBUH

Ed entriamo nella top five. Al quinto posto della classifica dei grattacieli più alti del 2018 troviamo i 436 metri del Riverview Plaza A1, a Wuhan, in Cina. Firmato dallo studio Pelli Clarks Pelli Architects in uno degli hub emergenti dell’economia di Pechino, anche questo edificio farà parte di un complesso di 3 torri. Sulla vetta si eleva una guglia di ben 100 metri. 

Courtesy photo: © Goettsch Partners, via CTBUH

Al quarto posto, a squarciare le nuvole c’è la Nanning China Resources Tower: 445 metri, 94 piani. Goettsch Partners ha disegnato un grattacielo elegante e moderno, con altissimi standard energetici. Alla base della torre c’è una grande lobby esposta a sud e una piazza paesaggistica che offre l'accesso interno al traffico della metropolitana locale, al complesso di negozi adiacenti e al nuovo hotel di lusso. Una monumentale terrazza panoramica offre una vista incredibile sulle montagne circostanti. 

Courtesy photo: © Atkins, via CTBUH

Con i suoi 461 metri e 81 piani, al terzo posto troviamo un grattacielo a Ho Chi Minh City, in Vietnam: la torre Vincom Landmark 81. Al progetto c’è lo studio Atkins. Sembra uscita da Fantasia, la città de La storia infinita. 

Courtesy photo: © Adrian Smith + Gordon Gill Architecture

2° posto: quasi al vertice della classifica c’è la Central Park Tower. Proprio così, siamo di nuovo a Manhattan. È già candidata per diventare la più alta torre residenziale del mondo, con i suoi 472 metri e 95 piani. Il completamento è previsto per il 2020. Tenetevi forte perchè negli USA sarà seconda soltanto al One World Trade Center, di 541 metri!

Courtesy photo: © Adrian Smith + Gordon Gill Architecture / CTBUH

Al primo posto della classifica - è proprio il caso di parlare di vetta - troviamo lui: il Wuhan Greenland Center in Cina, con i suoi 636 metri che avrebbero dovuto essere raggiunti già nel 2017. Un grattacielo di 126 piani a forma di missile. Devono sbrigarsi a completarlo nel 2019, perchè nel 2020 sarà già superato dalla Jeddah Tower in Arabia Saudita, che supererà i mille metri!

skyscrapercenter.com

 

 

 

 

 

 


di Roberto Fiandaca / 10 Gennaio 2018

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web