ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Da gru a hotel: ad Amsterdam si dorme sospesi nel vuoto

Affacciato sul lago IJ, Yays Crane Apartment è composto da tre container impilati: un omaggio al passato industriale del quartiere e una casa vacanze con vista mozzafiato

gru-hotel-amsterdam-yays-crane-apartment-edward-van-vlient

I container di lusso di Yays Crane Apartments ad Amsterdam

Mai pensato di dormire in un container sospeso nel vuoto? Yays Crane Apartment è una nuova formula che trasforma una gru in hotel affacciato sul lago IJ di Amsterdam, firmato Edward Van Vliet (molto simile, nel concept all'appartamento in affitto su una gru del porto di Copenhagen).

La ditta locale Yays Concierged Boutique Apartments, ha curato la ristrutturazione, in collaborazione con il comune locale e un'organizzazione dedicata alla conservazione di edifici e siti storici. La gru si trova infatti nell'area delle Docklands orientali, che fu pesantemente bombardata durante la seconda guerra mondiale. Dopo la guerra, la Royal Dutch Steamboat Company (KNSM) commissionò la costruzione di diverse nuove gru, tra cui la gru Figee 2868, che prese il nome dai fratelli e proprietari della Haarlemsche Machinefabriek che la costruì.

Completata nel 1957, funzionò fino al 1979, quando il trasporto di container prese il sopravvento, il lago IJ divenne troppo piccolo e le gru troppo fragili. Come parte della trasformazione dell'area in un quartiere residenziale, iniziata nel 1975, la gru Figee 2868 è stata mantenuta sul suo sito come promemoria del patrimonio industriale della zona. Il processo di ristrutturazione della gru come casa vacanze da affittare è stato curato dal designer locale, Edward Van Vliet: il design e l'arredamento cercano di rendere omaggio alla storia industriale di Amsterdam, offrendo agli ospiti un'esperienza esclusiva, incentrata sulla vista mozzafiato della città e sul collegamento con l'area circostante, un quartiere unico e con ogni comfort.

L'appartamento sospeso a 50 metri ha una superficie totale di 40 metri quadrati, distribuiti tra i tre container riutilizzati per dare vita ai vari ambienti, impilati all'interno della struttura della gru. Le scale dal lato del porto portano a un ingresso che si apre sul salotto, al livello più basso.

Una scala rivestita in metallo invece, che incorpora un piccolo magazzino, separa questo spazio da una cucina compatta e dalla zona pranzo. Al primo piano troviamo una camera da letto e un bagno con vasca e doccia separata. Infine, il container all'ultimo "piano" ospita una seconda camera da letto, in cui una parete è stata rimossa e sostituita con una struttura vetrata che sporge verso l'esterno, per consentire una vista panoramica dei dintorni. In tutti gli ambienti, Van Vliet ha utilizzato materiali, accessori e dettagli che richiamano al passato della struttura, dalle travi in ​​acciaio a vista alle ampie assi di legno, in perfetto stile industriale.


di Essia Sahli / 10 Febbraio 2018

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web