ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Lo studio Designliga

Un vecchio edificio industriale diventa spazio multidisciplinare

A Monaco di Baviera, un vecchio spazio industriale della metà del XX secolo diventa quartier generale e sede operativa di Designliga, lo studio tedesco di comunicazione visiva, architettura e interior design.

Halle A è il nome del complesso di 650 metri quadri che è stato ristrutturato dallo stesso team di architetti che adesso ospita - oltre al brand - Form & Code, partner per lo sviluppo web e della tecnologia app.

L'edificio, di pianta rettangolare con soffitti di 10 metri, ha le pareti longitudinali in vetro cemento caratteristica che rende gli ambienti molto luminosi. I pavimenti, i rivestimenti in mattoni rossi e i binari per le gru, elementi del vecchio stabilimento, sono stati lasciati intatti. Due icone con tetto a spiovente sono state collocate nel centro nevralgico dell'enorme volume. L'effetto è notevole: micro contrapposto a macro. Le due casette vengono utilizzate dai membri dello staff coinvolti in progetti di ricerca, per planning o riunioni esecutive.

Gli spazi lavorativi sono distribuiti lungo le mura perimetrali attorno alla struttura/casa a spiovente rivestita in ottone. Un contenitore di 85 metri, sviluppato a nastro, funziona da reception ad una estremità e separa l'area operativa da quella di deambulazione.

Il progetto è stato pensato per instaurare rapporti interpersonali oltre che professionali. Una cucina molto funzionale e un mini salotto sono stati distanziati dall'ufficio per assicurare veri momenti di relax.

Gli arredi sono contemporanei o risalenti alla stessa epoca nella quale fu costruito l'edificio originale. Le Dining Chair degli Eames prodotte da Vitra all'interno dalla sala meeting o la Cité Armchair di Jean Prouvé ne sono la prova.


di Eugenio Cirmi / 6 Marzo 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

[Architettura]

The Tablet Effect

La lotta per la sopravvivenza dei chioschi di giornali

Costume

[Architettura]

L’Iran che non ti aspetti

Piccola guida in 4 tappe alla scoperta della nuova Persia

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web