ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un hotel di lusso immerso nella natura

A un’ora di macchina da Reykjavík, Ion Luxury Adventure è un progetto a impatto zero dello studio californiano Minarc

L’hotel di lusso Ion Luxury Adventure, progettato a Selfoss dallo studio californiano Minarc, dista solo un’ora di macchina da Reykjavík. Famoso per il suo approccio progettuale che coniuga sempre design contemporaneo, tecnologie innovative e materiali naturali, con questo progetto lo studio è riuscito a concepire una nuova struttura alberghiera, che perfettamente si integra nel contesto naturale che la circonda.

Il paesaggio nel quale è stato costruito l’hotel è molto suggestivo: alle spalle ci sono sedimenti rocciosi formati da lava vulcanica e di fronte il lago Thingvallavatn. Situato all’interno dell’itinerario Golden Circle (molto amato dai turisti appassionati di flora e fauna), l'albergo è inoltre vicino al Parco Nazionale di Thingvellir, patrimonio mondiale dell’UNESCO.

L’idea di base che ha guidato tutto il progetto era quella di offrire ai clienti un’esperienza unica, in un ambiente rilassante e accogliente, una sorta di nave-rifugio. Per questo motivo la struttura poggia su alti pilastri e, se vista dall’esterno, sembra una grande zattera sospesa. Le grandi vetrate della sala lounge, del ristorante e di tutte le camere creano un senso di continuità con la natura circostante.

Colori chiari caratterizzano tutti gli interni, arredati con mobili in legno locale riciclato e lampade in lava calcificata. Per la lobby sono stati scelti divani rivestiti con tessuti naturali, tappeti in pelle e piccoli tavoli che fungono anche da sgabelli in legno massiccio. Nota di contrasto nella sala ristorante, che ha una parete rivestita da pannelli in tessuto azzurro ghiaccio, un chiaro omaggio alla natura del periodo invernale. Non poteva infine mancare la piscina all’aperto, uno dei posti migliori per ammirare la bellezza del paesaggio circostante.

www.minarc.com
www.ioniceland.is

SCOPRI ANCHE:

Un hotel di lusso nel parco nazionale giapponese Ise Shima
Un resort nel verde in Kenya


di Maria Chiara Antonini / 26 Giugno 2016
tags:

hotel , Reykjavík

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

[Architettura]

The Tablet Effect

La lotta per la sopravvivenza dei chioschi di giornali

Costume

[Architettura]

L’Iran che non ti aspetti

Piccola guida in 4 tappe alla scoperta della nuova Persia

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web