ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Australia: una villa di 260 mq con giardino in stile modernista

Un'abitazione vicino al mare che si sviluppa attorno a una corte centrale con ampie vetrate sul verde e arredi minimalisti

Per la realizzazione della Hover House, lo studio Bower Architecture si è ispirato alle ville degli architetti del '900, in particolare le abitazioni di Mies van der Rohe. Il risultato? Una casa moderna e dalle linee pulite, che ruota attorno a una corte centrale, punto di partenza del progetto. "Per questo intervento abbiamo sposato il concetto di less is more", spiegano i progettisti.

Si tratta di una villetta unifamiliare di 260 mq nei pressi della spiaggia di Mount Martha, in Australia, sviluppata su un solo livello. Il desiderio dei committenti era quello di creare una casa di famiglia "tranquilla, ecosostenibile e privata", piena di luce naturale e calore, caratteristiche ottenute grazie alle ampie vetrate e all'uso abbondante di legno di cedro per gli interni.

Uno dei pregi del progetto – oltre ai bassi costi energetici, limitati grazie a una serie di accorgimenti, tra cui una cisterna di recupero dell'acqua piovana e un sistema di ventilazione naturale – sta nella flessibilità degli spazi.



Hover House è stata pensata per adattarsi facilmente a diverse situazioni e necessità: le leggere porte scorrevoli a scomparsa permettono di configurare con estrema flessibilità le singole stanze. Gli ambienti interni sono tutti orientati verso il giardino, punto focale  dell'icona.



L'interior design? Legno e calcestruzzo nei pavimenti e nei rivestimenti fanno da protagonisti e garantiscono uno stile di living confortevole e moderno; gli arredi sono ridotti al minimo e sono stati scelti dai proprietari mescolando pezzi vintage e di recupero con  mobili più contemporanei.

 

 


di Marzia Nicolini / 5 Settembre 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

Arte, design, food e shopping all'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats

Hotel

[Architettura]

Design e nobiltà

Locanda La Raia: la ricostruzione di un luogo tra Gavi e Novi Ligure

restyling

[Architettura]

Into the wild

Il rifugio mobile per avventurieri testato nella natura islandese

progetti

[Architettura]

La foresta sotto vetro

In Oman nasce il giardino botanico del futuro firmato Arup

progetti

[Architettura]

La nuova sede Nike a New York

A New York batte un cuore Nike al 55 di Avenue of the Americas

Uffici di design

[Architettura]

Arte antica, nuovo museo

In Cina un nuovo museo dedicato alla porcellana come storia d'amore

Travel

[Architettura]

Social housing in classe A+

Cascina merlata, il nuovo smart district milanese è green e all'avanguardia

Architettura contemporanea

[Architettura]

L’altra Londra

Le stazioni della metropolitana, piccoli tesori di celebri architetti

Travel

[Architettura]

Un nuovo villaggio in Cina

MAD firma 10 edifici residenziali avveniristici in un sito UNESCO

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web