ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Australia: una villa di 260 mq con giardino in stile modernista

Un'abitazione vicino al mare che si sviluppa attorno a una corte centrale con ampie vetrate sul verde e arredi minimalisti

Per la realizzazione della Hover House, lo studio Bower Architecture si è ispirato alle ville degli architetti del '900, in particolare le abitazioni di Mies van der Rohe. Il risultato? Una casa moderna e dalle linee pulite, che ruota attorno a una corte centrale, punto di partenza del progetto. "Per questo intervento abbiamo sposato il concetto di less is more", spiegano i progettisti.

Si tratta di una villetta unifamiliare di 260 mq nei pressi della spiaggia di Mount Martha, in Australia, sviluppata su un solo livello. Il desiderio dei committenti era quello di creare una casa di famiglia "tranquilla, ecosostenibile e privata", piena di luce naturale e calore, caratteristiche ottenute grazie alle ampie vetrate e all'uso abbondante di legno di cedro per gli interni.

Uno dei pregi del progetto – oltre ai bassi costi energetici, limitati grazie a una serie di accorgimenti, tra cui una cisterna di recupero dell'acqua piovana e un sistema di ventilazione naturale – sta nella flessibilità degli spazi.



Hover House è stata pensata per adattarsi facilmente a diverse situazioni e necessità: le leggere porte scorrevoli a scomparsa permettono di configurare con estrema flessibilità le singole stanze. Gli ambienti interni sono tutti orientati verso il giardino, punto focale  dell'icona.



L'interior design? Legno e calcestruzzo nei pavimenti e nei rivestimenti fanno da protagonisti e garantiscono uno stile di living confortevole e moderno; gli arredi sono ridotti al minimo e sono stati scelti dai proprietari mescolando pezzi vintage e di recupero con  mobili più contemporanei.

 

 


di Marzia Nicolini / 5 Settembre 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il nuovo studio di Olafur Eliasson

A Reykjavik la succursale del studio berlinese. Aperta al pubblico

Travel

[Architettura]

Parigi gioiello cubista

Mostre, fiere e una veste inedita: 10 ragioni per visitarla nel 2018

Travel

[Architettura]

Il futuro nel legno

A Londra una mostra racconta il bello dell'architettura in legno

mostre

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

[Architettura]

Napoli col cuore

L'ultimo libro di Davide Vargas è una guida sentimentale di Napoli

Travel

[Architettura]

Verticale e popolare

Il nuovo progetto di social housing di Stefano Boeri a Eindhoven

progetti

[Architettura]

Fez per esploratori

Alla scoperta di uno dei centri più attraenti del mondo islamico

Travel

[Architettura]

Architettura del reale

I documentari che ogni architetto dovrebbe vedere nel 2018

Costume

[Architettura]

7 architetti per New York

I progetti dei migliori architetti per migliorare (o salvare) NY

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web