ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Hudson Valley a soli 150 chilometri da New York

Meta di artisti, designer e rockstar che lasciano la Grande Mela per godere della campagna e dei nuovi poli culturali

Circondata da montagne, colline, cascate e con il fiume che la attraversa, la Hudson Valley è sempre stata il luogo dove i newyorkesi vanno a passare un tranquillo weekend in campagna. Qui, a sole due ore di treno da New York, la cittadina di Hudson è la nuova mecca di giovani e artisti, da sempre destinazione per gli amanti dell’arte e della musica.

Non è un caso che dal 2003 il Fisher Center, firmato dal celebre architetto americano Frank O.Gehry (foto di apertura), sia diventato il centro di performance musicali del Bard College.Per chi abbia in programma un viaggio in quella che è definità la Vip valley a 150 chilometri da Manhattan, ecco di seguio alcuni hotel e ristoranti da non perdere.

Hotel. Sinonimo di tutto ciò che è cool, a Hudson nascono le ultime tendenze di design. Come l’Hotel Tivoli, creato dalla coppia di pittori Brice e Helen Marden con l’aiuto dello studio Reunion Goods & Services, arredato con mobili vintage e opere dei proprietari. The Hudson Milliner propone invece la formula guest house, sotto la supervisione della pittrice Charlotta Janssen, proprietaria delle quattro camere ricavate da un vecchio negozio di cappelli, ispirate al design vintage-industrial con pezzi di recupero trovati in negozi specializzati e mercatini.

Food & Restaurant. Hudson offre una scelta di ristoranti specializzati in cibo ‘farm to table’, quindi proposte di piatti stagionali. Per esempio, il Swoon Kitchenbar — fondato dal pluripremiato chef Jeffrey Gimmel cresciuto alla scuola del francese Roger Vergé — con un menù di piatti innovativi che hanno come ingredienti carne, pesce e verdure interpretati con creatività, ma sempre a km 0. Tra gli specialisti del cibo rigorosamente local, da segnalare Talbott & Arding, negozio che offre formaggi e verdure stagionali.

SCOPRI ANCHE:

7 Hotel di design a New York (2016)
Eco design per l'1 Hotel Central Park di New York
Hotel di design nella Grande Mela (2014)


di Monica Mascia London e Grazia Baccari / 7 Luglio 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

[Architettura]

The Tablet Effect

La lotta per la sopravvivenza dei chioschi di giornali

Costume

[Architettura]

L’Iran che non ti aspetti

Piccola guida in 4 tappe alla scoperta della nuova Persia

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web