ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

In questo hutong di Pechino lo chiamano twisting courtyard. Ecco cos'è

Archstudio ha traformato una delle tradizionali case cinesi a corte in un appartamento moderno, partendo dalla trasformazione dello spazio esterno

hutong-pechino-casa-moderna-archstudio
© Wang Ning e Jin Weiqi

ARCHSTUDIO trasforma una casa tradizionale in un dinamico ambiente moderno, lavorando con i materiali tradizionali e preservando l’armonia degli struttura antiche

Nell'arco degli ultimi decenni negli hutong di Pechino, la capitale della Cina, il rapporto tra tradizione e modernità  è stato molto controverso, per non dire totalmente conflittuale. Alla diffusa pratica di demolizione e sostituzione di intere aree di tessuto storico, si sono recentemente contrapposti piccoli ma innovativi interventi di preservazione e modernizzazione agopunturale dei siheyuan, tipiche case a corte pechinesi formate da quattro padiglioni.

©Wang Ning e Jin Weiqi

Il nuovo progetto di ARCHSTUDIO nel Paizi Hutong a Dashian, area centrale a sud di Tianmen, propone un nuovo approccio moderno, ma conservativo al problema della ristrutturazione delle case storiche cinesi.

©Wang Ning e Jin Weiqi

Mentre i processi di gentrificazione degli hutong stanno subendo fasi alterne, con il suo twisting courtyard o torsione del cortile, questo giovane studio pechinese dà una risposta semplice, multifunzionale e flessibile alla modernizzazione delle rigide case tradizionali, mantenendo intatta la struttura tradizionale dei padiglioni.

©Wang Ning e Jin Weiqi

Increspando il pavimento in mattoni grigi e usandolo come superficie di collegamento tra gli spazi esterni ed interni, il progetto dona alla corte una nuova atmosfera, moderna e dinamica, sbarazzandosi della staticità tipica dei siheyuan.

La superficie curva in mattoni a vista, che si sviluppa con continuità a partire dalla corte esterna fino all’interno dei padiglioni, racchiude i nuovi spazi di servizio, come i bagni e la cucina, lasciando liberi i restanti spazi interni. Questo permette una totale flessibilità d’uso della corte che da residenza privata può aprirsi ad eventi pubblici.

©Wang Ning e Jin Weiqi

Per migliorare l’uso degli spazi sono stati inseriti dei grandi mobili su misura in legno con arredi a scomparsa, come la parete con letto ribaltabile e la piattaforma di legno con tavolo che si solleva in stile giapponese.

 

©Wang Ning e Jin Weiqi 

www.archstudio.cn

SCOPRI ANCHE:
La casa moderna in un hutong di Pechino
Arredare una casa piccolissima a Pechino
Come cambiano gli hutong di Beijing?
Arredamento minimal a Pechino


di Eugenia Murialdo / 3 Luglio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web