ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Intervista a Vincenzo Latina, Architetto Italiano 2015

Il professore siciliano, classe 1964, racconta la sua personale idea di architettura, tra luoghi, materiali e contaminazioni

In un'intervista Vincenzo Latina, vincitore del Premio Architetto Italiano 2015, ha risposto alle nostre domande per conoscere più da vicino la sua personale idea di architettura.

L’architetto siciliano, classe 1964, professore associato presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Catania, svolge la propria attività professionale mantenendo un profondo legame con il territorio. Le architetture di Latina sono progetti che sviluppano relazioni testuali con la storia componendosi di una sintassi che alterna con precisione antichi e nuovi linguaggi. Opere come il padiglione-museo Artemision, la corte ai Bottari e le più recenti residenze della pineta Raffaello dimostrano una capacità di costruzione del progetto architettonico mai banale e lontana dalle convenzioni.

La Sicilia è terra del mito. Quali sono gli elementi di questa geografia così complessa e unica in Italia che risultano essere fonte di ispirazione nella Sua professione di progettista?
La Sicilia è una terra unica dove si legge la presenza di un passato dovuto ai Greci, che portarono la rappresentazione del mito alla massima espressione. Ma l’Italia è ricca di situazioni simili. In molte altre regioni è racchiusa una parte importante della storia dell’umanità, reale o immaginaria. Su tutto il nostro territorio, da Nord a Sud come da Est ad Ovest, la forza del mito è presente sotto forme diverse. Per esempio Venezia, luogo importante per la mia formazione dove studiai Architettura presso lo IUAV, racconta una situazione diversa: un insieme di storie di viaggiatori e mercanti, di intrecci narrativi che sono capaci di restituirci l’immaginario collettivo della città.

In molti progetti dello studio traspare un reverenziale rispetto per l’uso e l’estetica dei materiali, soprattutto la pietra. Come descrive il Suo personale rapporto tra architettura e materia?
Non cerco mai di essere reverenziale. Ho usato la pietra in alcuni progetti, ma lavoro con diversi tipi di materiali, sempre diversi, come il corten, il plexiglass o l’acciaio. Penso che tutti i materiali siano magnifici, è l’uso che se ne fa che è fondamentale: il materiale più ricco può diventare il più povero e viceversa. Ogni scelta di materiale implica geometrie e linguaggi propri; e poi c’è la luce, la quale, se interpretata come autentico elemento materico, fa cantare l’architettura. Ogni progetto richiede una specifica attenzione per la scelta di un tema che può essere sviluppato, per esempio, sulle declinazioni del marmo, o del laterizio o ancora del titanio.

Negli ultimi anni è riscontrabile a livello internazionale una notevole attenzione alla contaminazione tra nuovo e antico. Pensando ad alcune Sue opere che questo tema indagano, quali accorgimenti permettono di mantenere un giusto equilibrio tra le parti?
Perché la contaminazione sia efficace è necessario disporre di una profilassi precisa. Penso che l’equilibrio per parti sia pericoloso, preferisco raggiungere un equilibrio, per così dire, instabile, dinamico. Ora tutto deve essere verde, tutto è espressione di finta naturalità. Bisogna tenersi lontani dalle mode ed operare con regole diverse, lavorando per contraddizione con sensibilità e anche distacco per non correre il rischio di essere travolti.

In Novembre le è stato conferito dal Consiglio Nazionale degli Architetti il Premio Architetto Italiano 2015. Quale significato attribuisce a questi momenti di riconoscimento del proprio lavoro?
I premi sinceramente mi trasmettono responsabilità e ansia. Ma anche piacere, ci mancherebbe! Ci si sente sovraccarichi in questi momenti. Questo premio non è solo per me, ma è per tutte quelle forme di resistenza di architetti giovani o meno giovani o meno noti che sopravvivono lontano dalle metropoli nelle province. Dedico il premio agli amici e colleghi, a quelli che fuggono e a quelli che restano. Nella situazione post-bellica c’era un forte desiderio di fare, di innovare; ora la condizione contemporanea ci pone sotto una cappa asfissiante che impone un’estrema uniformità. Io invece credo nell’incontro / scontro, nel conflitto, ma che sia costruttivo e di dialogo sulle differenze.


di Giovanni Carli / 18 Dicembre 2015

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il nuovo salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

[Architettura]

Design e nobiltà

Locanda La Raia: la ricostruzione di un luogo tra Gavi e Novi Ligure

restyling

[Architettura]

Into the wild

Il rifugio mobile per avventurieri testato nella natura islandese

progetti

[Architettura]

La foresta sotto vetro

In Oman nasce il giardino botanico del futuro firmato Arup

progetti

[Architettura]

La nuova sede Nike a New York

A New York batte un cuore Nike al 55 di Avenue of the Americas

Uffici di design

[Architettura]

Arte antica, nuovo museo

In Cina un nuovo museo dedicato alla porcellana come storia d'amore

Travel

[Architettura]

Social housing in classe A+

Cascina merlata, il nuovo smart district milanese è green e all'avanguardia

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web