ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una capanna nel deserto

L'installazione di Phillip K Smith, III nel Joshua Tree Park

Lucid Stead, installazione site-specific ideata da Phillip K Smith, III nel Joshua Tree Park in California, doveva essere un evento di soli due giorni e per poche persone. Alla fine sono accorsi più di 400 appassionati d'arte e l'evento si è protratto per due weekend. I media hanno fatto a gara per avere l'esclusiva del reportage e, grazie a foto postate su blog e social network, il light project è divenuto un fenomeno.

Da lontano l'intervento sembra una casa. L'opera è stata realizzata su una struttura preesistente in legno con tetto a spiovente ed è composta da specchi, LED, componenti elettronici customizzati e schede programmate con Arduino (sistema open source per la gestione di piccoli dispositivi come controllori e sensori di luci). Corpo alieno in mezzo a un ambiente brullo e desolato, la strana architettura si impone ai visitatori come un'esperienza delirante, quasi spirituale.

Progettato per trasformarsi e mutare in base all'ora del giorno, Lucid Stead può sembrare un miraggio o un'allucinazione. All'imbrunire, il sole cala al di là delle montagne, creando nuove geometrie colorate grazie ai LED colorati posizionati dietro le porte e le finestre.

Per chi non lo sapesse, il Joshua Tree Park prende il nome dal suo albero nativo, la Yucca brevifolia, che il fotografo Anton Corbijn ritrasse nell'artwork del celebre album omonimo della band irlandese U2 nel lontano 1987. L'artista americano ha scelto quest'area desertica come sede della sua installazione.


di Eugenio Cirmi / 29 Novembre 2013

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web