ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Mattoni a vista e rivestimenti in legno per una casa a Londra

Groupwork e Amin Taha Associati firmano la rivisitazione di un grande classico inglese: la casa vittoriana

mattoni-a-vista-rivestimenti-in-legno-casa-londra

Mattoni a vista per esterni e rivestimenti in legno per interni. E' questa la scelta di Groupwork e Amin Taha Associati per il loro ultimo progetto in Barrett Grove, una casa moderna che riesce a inserirsi perfettamente in una tipica via vittoriana londinese.

Tra tipiche case a schiera di fine ottocento, una scuola e le macerie di una chiesa antica, l’edificio di Barret Grove, pur mantenendo una struttura stand-alone, contribuisce a dare una continuità visiva al contesto declinando la sua imponenza architettonica a una scala domestica.

La facciata in mattoni rossi è una sovrastruttura non portante che fa perfettamente eco agli edifici vicini. I balconi, in acciaio con lati in vimini intrecciato, sono sporgenze che ammorbidiscono la facciata. Abbastanza grandi da essere vivibili appieno, la loro alternanza offre ai condomini l'opportunità di sviluppare uno spazio sociale verticale in assenza di un giardino comune.

Le soluzioni abitative sono state divise ponendo il living degli appartamenti nel blocco frontale e la camera da letto in un secondo blocco – più piccolo – nella parte posteriore dell’edificio. Rivestimenti in legno per interni creano un'atmosfera calda e accogliente mentre i pavimenti e il tetto, con giunti di costruzione a vista, evidenziano il metodo di assemblaggio. Anche i soffitti sono stati lasciati visibili grazie all'uso di una vernice ignifuga trasparente, pannelli acustici isolanti e riscaldamento a pavimento.

I rivestimenti in legno per pareti interne in CLT (Cross Laminated Timber) fungono da struttura e finitura, non si rende così necessario il ricorso a cartongesso, controsoffitti, cornici, battiscopa, piastrelle e vernici. In questo modo si riesce a diminuire del 15% il ricordo al carbonio nella costruzione dell’edificio, oltre ad abbassare i costi e i tempi di costruzione. Il valore aggiunto del legno, oltre ad essere intrinsecamente più robusto, è la sua capacità di migliorare l’estetica domestica specialmente quando lo si declina in finestre-sedili, mobili e porte a tutta altezza spesso con maniglie di pelle per accentuare il senso domestico.

www.amintaha.co.uk


di Paola Testoni / 21 Ottobre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Grattacielo di legno

Sembrava impossibile, ma lo stanno per fare

progetti

[Architettura]

Alba albanese

Tutti i motivi per cominciare a programmare le vacanze in Albania

Travel

[Architettura]

Il sacro geometrico di Siza

L'architetto firma la chiesa di Saint Jacques de la Lande a Rennes

edifici pubblici

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali