ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Aperta la Second Avenue Subway della metro di New York

La nuova metropolitana che collega l’upper east side di Manhattan apre le porte alla più grande installazione permanente di arte pubblica nella storia di NY

metro-ny-01

L'estensione della linea Q della metro di New York appare come un museo diffuso di arte contemporanea

Entrare nella stazione della metro di New York diventa un'esperienza nuova: la sensazione è quella di stare in un museo. L'estensione della linea Q (Second Avenue Subway - la gialla nella mappa -) con le tre nuove stazioni che percorrono la Second Avenue porta, da Coney Island – Brooklyn -, fino all’Upper East Side di Manhattan. Un museo diffuso (lungo quasi 2 km ½) di arte grafica contemporanea.

Il progetto di sviluppo della linea metro di NY esistente (con le nuove fermate alla 72esima, 86esima e 96esima Strada) conclude la prima fase durata quindici anni di intenso lavoro.

A dominare è l’architettura moderna, all’interno di spazi di grande respiro, dove il focus è il design e un omaggio speciale all’arte contemporanea con le opere commissionate a quattro celebri artisti. Sono Chuck Close, Jean Shin, Sarah Sze e Vik Muniz.

Il progetto della metropolitana, sostenuto dal governo Cuomo con l’obiettivo di migliorare il sistema dell’infrastruttura dei trasporti in New York, è firmato da AECOM-Arup Joint Venture. La difficile e controversa missione di combinare ingegneria edile ad architettura (dalle fondamenta) con funzionalità, arte e design è alla base del progetto che realizza il sogno di molti newyorkesi: un collegamento quotidiano veloce e efficiente tra la zona nord est di Manhattan e quella Midtown ovest.

«Abbiamo voluto realizzare un’architettura moderna, con l’obiettivo di dare un’esperienza visiva e fisica piacevole ai passeggeri. È stato un lavoro complesso quello di bilanciare la parte estetica con i principi di funzionalità che richiede una stazione di questa tipologia», sostiene il vice presidente di NY metro transit e manager di AECOM, Juile D’orazio.
Il progetto è già considerato una delle più grandi imprese di infrastruttura urbana in nord America nel campo dell’idraulica e della geologia del territorio. Volto a facilitare il collegamento e l’accessibilità di circa 200.000 passeggeri al giorno ha avuto un costo di circa 4 miliardi e mezzo di Dollari.

In programma una seconda fase di estensione della stessa linea metro che collegherà in direzione nord-west la Second Avenue dalla fermata 96 Street fino alla 125 Street.

SCOPRI ANCHE:
Milano: la metro compie 50 anni (2014)


di Monica Mascia London / 9 Febbraio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Emozione vs. funzione

La nuova architettura organica di MAD Architects parla cinese

Edifici pubblici

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web