ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

10 monumenti famosi come non li avete mai visti

Luoghi storici noti a tutti immortalati da angolature inconsuete che li rendono quasi irriconoscibili

monumenti-famosi-foto-strane

Il Taj Mahal, ad Agra, considerata una delle sette meraviglie del mondo, è un mausoleo costruito dall’imperatore Moghul Shah Jahan composto di materiali provenienti da ogni parte dell’India e dell’Asia e oltre ventotto tipi di pietre preziose e semi preziose vennero incastonate nel marmo bianco della struttura. 

Sono 10 monumenti famosi, si trovano in ogni angolo del mondo (dalle piazze più famose agli scorci meno conosciuti) e sono stati tutti fotografati ad angolature che li rendono ancora più affascinanti.

Scopriamo dieci meraviglie del mondo, che non abbiamo mai visto così!

Un post condiviso da @_jeze___bel_ in data:

Il Rynek Staromiejski, in Piazza Stargard Szczeciński, Torun

Gioiello nel cuore di Torun (città natale di Niccolò Copernico e uno dei pochi centri della Polonia ad aver scampato i bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale) è la piazza del vecchio mercato. Sede del museo regionale, tra gli edifici più spettacolari in questo prezioso angolo di architettura trecentesca patrimonio dell’UNESCO sono il municipio della Città Vecchia, uno dei più sontuosi del Nord Europa, e la torre aperta al pubblico, dalla cui cima è possibile ammirare sia la città che il fiume che la attraversa.

Un post condiviso da Sakshi Pabari (@sakshipabari) in data:

Qutb Minar, Delhi

Con un’altezza 72,5m, Qutb Minar è il minareto in mattoni più alto al mondo. Situato nella città di Delhi e realizzato su orine dell'Imperatore alla fine del XII secolo, è stato dichiarato uno dei Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO nel 1993. La sua storia è curiosa. Colpito da un fulmine che ne danneggiò severamente la struttura ben due volte nel 1300, il minareto fu ampliato e modificato da molti, e duecento anni dopo vennero aggiunti addirittura due piani all’edificio. A seguito di un terremoto all’inizio del XIX secolo, la cupola del Qutb Minar cadde e venne sostituita con una nuova cupola nello stile del tardo Moghul, così diversa dal resto della struttura che venne successivamente rimossa nel 1848, giace ancora oggi a sud-est del minareto.

 

Un post condiviso da Satisfashion4Italy (@satisfashion4italy) in data:

Torre di Pisa, Pisa

Uno dei simboli iconici dell’Italia, la famosa Torre di Pisa, è il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta nella piazza del Duomo della città. Pensato come parte del complesso canonico, il campanile è una struttura a sé stante. Costruita nell’arco di due secoli e terminata a metà del XIV°, la sua pendenza è dovuta non ad un errore nella costruzione dell’edificio, come spesso si pensa, ma ad un cedimento del terreno sottostante verificatosi già nelle prime fasi della sua costruzione. La paternità di questo iconico edificio, considerato una delle sette meraviglie del mondo moderno, è un mistero: alcuni la attribuiscono all’architetto pisano Diotisalvi, altri a Gherardi e altri ancora Bonanno Pisano, la cui tomba è murata all’interno della torre.

 

Un post condiviso da Globetrotter (@jonaswirz) in data:

Cloud Gate, Chicago

Un fagiolo a specchio, gigantesco, fa da protagonits al centro della AT&T Plaza nel Millennium Park a Chicago. L'opera, chiamata Cloud Gate, è firmata dal celebre Anish Kapoor. Costruita tra il 2004 ed il 2006, è formata da ben 168 lastre di acciaio inossidabile saldate insieme e la sua superficie, lucidissima e arrotondata, è pensata per riflettere lo skyline della città, tramite distorsione. Soprannominato “The Bean” (il fagiolo), è accessibile anche al di sotto del suo arco, alto 3,7m, sotto al quale si trova una camera curva dai molteplici riflessi, denominata “omphalos” (in greco “ombelico”) da Kapoor stesso. Ispirata dalla consistenza del mercurio liquido e del tutto priva di saldature visibili, l’opera di Kapoor rientra senza dubbio tra i simboli iconici della Chicago moderna.

 

Un post condiviso da Marche For KiDs (@marcheforkids) in data:

Tempietto Valadier, Ancona

Il Tempietto Valadier, che prende il nome dal suo architetto, Giuseppe Valadier, è stato costruito come parte del Santuario di Santa Maria Infra Saxa, nelle Cave di Fracassi a Genga, in provincia di Ancona. Incastonato nella roccia, il Tempietto ospitava originariamente una statua della Madonna con bambino, scolpita da Antonio Canova e oggi conservata nel museo civico di Genga.

 

Un post condiviso da Ana Gabriela Rezc (@ana_rezc) in data:

Castillo San Felipe de Barajas, Cartagena

Sulla sommità della collina di San Lazaro, a dominare il paesaggio di terra e mare circostante, sorge la fortezza di Cartagena (Colombia), meglio conosciuta come Castillo San Felipe de Barajas. Iniziata nel 1536 e ampliata nel 1763, la struttura del Castillo presenta una forma triangolare ed è costituita da una serie di mura, larghe alla base e più strette verso il parapetto, che vanno a creare una formidabile serie di spazi chiusi, come dei bunker. Formidabile la grande entrata del Castillo e il complessissimo sistema di tunnel che lo percorrono interamente, capolavoro dell’architettura militare Spagnola.

 

Un post condiviso da VIP_WORLD_PHOTO (@vip_world_photo) in data:

Regent Street, Londra

Una delle prime strade di Londra ad essere oggetto di pianificazione urbanistica, Regent Street fu pensata nel 1811 da John Nash, in un progetto che distingueva le vie di comunicazione dagli spazi pubblici. Approvato dal Parlamento Inglese nel 1813, la costruzione del progetto inizio’ l’anno seguente e si protrasse per ben dieci anni, dando vita a quella che oggi conosciamo come Regent Street, nome preso dal Principe Reggente Giorgio IV. Gli edifici progettati da Charles Robert Cockerell, John Soane e lo stesso Nash per il progetto originario e caratterizzati dalle proporzioni maestose, divennero obsoleti alla fine del XIX secolo, con l’apertura dei primi edifici commerciali, come Hamleys e Liberty & Co., ancora in auge, e fu necessario ricostruire di nuovo la via, tra il 1895 e il 1927. Rifinito in pietra di Portland, ciascun isolato della strada e’ stato pensato per avere un prospetto unificato, disegnato per trasmettere un armonioso effetto di grandiosità.

Un post condiviso da Ivan Chomakov (@ivan_chomakov) in data:

Monument to 1300 Years of Bulgaria, Shumen

Conosciuto anche come Monumento dei Fondatori dello Stato Bulgaro, questo iconico esempio di architettura brutalista sorge sopra ad un promontorio nella città di Shumen, Bulgaria. Costruito nel 1981 per commemorare il 1300° anniversario del Primo Impero Bulgaro, il monumento è interamente composto di blocchi di cemento in stile cubista, disegnato da Krum Damiano e Ivan Slavov. Imponente da ogni prospettiva in cui lo si guardi, è raggiungibile dalla città di Shumen attraverso una scala ed è visibile da una distanza di 30km.

Un post condiviso da Simone Bretti (@simonebretti) in data:

La Piazza del Campidoglio, Roma

Sede dell’amministrazione civile della città di Roma sin dal Medioevo, la storia architettonica del Campidoglio è segnata dal progetto disegnato da Michelangelo Buonarroti nel 1534, che ridisegnò la piazza, originariamente volta verso il Foro Romano, volgendola verso la Basilica di San Pietro, nuovo centro politico della città. Commissionata da papa Paolo III, il quale si vergognava dello stato in cui versava il colle, la piazza fu completata secondo il progetto di Michelangelo e arricchita di una serie di nuovi edifici e monumenti. Fra di essi, l’imponente fontana di Martorio, posta come ornamento della fontana progettata dal Bartolani in seguito al concorso indetto da papa Sisto V per la realizzazione di una nuova fontana sulla piazza.

 

Un post condiviso da Repost00 (@respost_00) in data:

Taj Mahal, Agra

Una delle sette meraviglie del mondo, il Taj Mahal, il cui nome significa “Palazzo della Corona”, è un mausoleo costruito dall’imperatore Moghul Shah Jahan in memoria della sua amata deceduta nel 1631. Di notevole bellezza (e patrimonio dell’UNESCO), la costruzione di questo incredibile edificio richiese più di vent’anni per essere ultimata, e il suo architetto e’ tutt’ora sconosciuto.
Il Taj Mahal venne costruito impiegando materiali provenienti da ogni parte dell’India e dell’Asia e oltre ventotto tipi di pietre preziose e semi preziose vennero incastonate nel marmo bianco della struttura.

SCOPRI I PROFILI INSTAGRAM DA SEGUIRE SECONDO ELLE DECOR:

5 profili Instagram da seguire al Salone
5 profili instagram da seguire se ami viaggiare
10 illustratori da seguire su Instagram
10 gallerie di design da seguire su Instagram
10 architetti da seguire su Instagram


di Valentina Mariani - Ha collaborato: Carlotta C. Buosi / 7 Aprile 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Relax nel Dorset

Ström Architects firma la casa ideale dove ritirarsi in pensione

casa moderna

[Architettura]

Lord Meier

L'archistar statunitense firma un progetto nell'Oxfordshire

casa moderna

[Architettura]

Rifugio per surfisti in Cile

Materiali locali, tecniche tradizionali e design contemporaneo

casa moderna

[Architettura]

La terraced house cambia look

La trasformazione moderna di una tipica casa a schiera a Londra

restyling

[Architettura]

Il fantasma di Pablo

Viaggio in Colombia nei luoghi di Escobar

itinerari

[Architettura]

Vivere negli Hamptons

Come cambia la vita, e la casa, nelle location più esclusive?

costume

[Architettura]

15 case nella storia

Un viaggio negli edifici simbolo dell'ultimo secolo, dal modernismo ai giorni nostri

top ten

[Architettura]

Una casa tutta di vetro nella natura

A Dallas una casa super moderna, che sembra fluttuare in un giardino tropicale

Casa moderna

[Architettura]

Una casa alla Le Corbusier

Una villa sulla spiaggia disegnata da Fran Silvetsre

Casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web