ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

In mostra a Milano il paesaggio norvegese e le sue infrastrutture

Allo SpazioFMG una mostra fotografica racconta la natura della Norvegia attraverso le infra-architetture del programma National Tourist Routes

A Milano la mostra fotografica Norway: Architecture, Infrastructure, Landscape, ospitata dal 23 giugno al 22 luglio allo spazioFMG, sotto la cura di Luca Molinari, dimostra come sia possibile valorizzare un paesaggio già carico di enormi potenzialità, attraverso la manipolazione dell’uomo.

Se la storia di questo difficile rapporto è costellata da numerosi mostri ingegneristici che spesso hanno deturpato luoghi di grande valore ambientale, non mancano tuttavia episodi che dimostrano come sia possibile unire l’esigenza di collegare luoghi anche remoti per renderli visitabili, insieme a quella di esaltarne le caratteristiche naturali. Dalle mitiche autostrade bianche, progettate in Germania a partire dai primi anni dello scorso secolo, concepite come vere e proprie opere di land art, per arrivare alle sperimentazioni di ibridazione tra architettura infrastruttura e paesaggio dei maestri moderni come le case viadotto di Le Corbusier ad Algeri del 1931 o lo spettacolare edificio parcheggio sinusoidale di Kostantin Melnikov del 1925, da sempre gli architetti hanno cercato di progettare il paesaggio alla velocità dell’automobile.

Negli spazi della galleria FMG scorrono le immagini, scaturite dalla macchina fotografica del fotografo tedesco Ken Schluchtmann che inquadrano le 50 opere firmate dagli studi più interessanti nel panorama nordico, sviluppate nel contesto del progetto di valorizzazione e promozione del territorio norvegese, promosso dal programma National Tourist Routes.

Si tratta di visioni affascinanti che ritraggono sempre l’oggetto architettonico come elemento di cerniera tra il paesaggio di cui è parte e la strada che lo mette in rete con gli altri manufatti, documentando la sintesi efficace e proficua tra l’intervento umano e il suo contesto naturale.

Si passa da micro installazioni come il rifugio per ciclisti sulle isole Lofoten di 70° N Arkitekter, un parallelepipedo in legno e vetro che diventa in piccolo landmark nel paesaggio artico, attraverso la passerella di 90 metri in calcestruzzo, disegnata da LJB a Aurlandsfjellet, che ha l’unica funzione di condurre il visitatore a cogliere la meraviglia del paesaggio, allontanandosi dalla strada, per arrivare a edifici veri e propri, come il museo Petter Daas di Snøhetta, ricavato da un taglio operato nella collina, o il memoriale della caccia alle streghe di Zumthor sul mare di Barents, che ricorda le strutture per l’essicazione del merluzzo.

Per Molinari, curatore della mostra insieme a Alessandro Benetti con la collaborazione di Christiane Bürklein, “Il programma del governo norvegese per le National Tourist Routes è un’iniziativa pubblica d’eccezionale interesse. I luoghi più spettacolari attraversati dalla rete viaria nazionale sono presidiati da una sequenza d’interventi architettonici e artistici di altissima qualità, che non solo rispondono alle esigenze funzionali dei viaggiatori, ma diventano luoghi di vita nel paesaggio e di scambio tra architettura e natura”.

www.spaziofmg.com

SCOPRI ANCHE:
Londra, le foto dei pavimenti più belli
 Italia per interni. Manifesto #2


di Massimilano Giberti / 4 Luglio 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web