ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'architettura mediterranea di Ricardo Bofill come non l'avete mai vista

La Muralla Roja attraverso le lenti di Gregori Civera

muralla-roja-ricardo-bofill-calpe-gregori-civera
Gregori Civera

La Muralla Roja di Ricardo Bofill è sicuramente nella Top 10 delle costruzioni preferite dai creativi della Terra. La fotografa Aurore Bano l’ha immortalata. Lo stilista Delpozo l’ha usata come set di moda. Perfino il super dj Martin Solveig l’ha scelta come location per un suo video: è proprio la Muralla Roja di Boffil quella che accompagna le note del tormentone “Do It Right”. Questa volta a fotografare l'edificio di Calpe, interpretazione moderna della Casbah araba, è Gregori Civera e il suo committente è importante: Pablo Bofill, il figlio di Ricardo Bofill.

Se chiedi a Gregori di presentarsi in tre parole, lui ti risponderà che è un fotografo freelance di un 1.80 m. (Curioso il dettaglio dell’altezza…). 45 anni, di Barcellona, ha iniziato a scattare a 15 anni: “i miei amici suonavano la chitarra. Io decisi di comprarmi una macchina fotografica”. Figlio degli anni ottanta, cresciuto nel boom culturale catalano, lui voleva essere super moderno mentre mamma e papà erano due hippie. Sin dalle elementari i suoi occhi non erano come quelli degli altri bambini. “Da sempre sono stato conscio che le cose cambiano quando cambia la tua posizione nello spazio, quando cambia il tuo punto di vista. Da piccolo la prospettiva per me era un gioco. Poi, quando ho comprato la macchina fotografica questo gioco ha acquisito un senso più grande. Le mie prime foto erano solo di linee e dettagli”.

Oggi Gregori, oltre a linee e dettagli, fotografa anche top model e star di Hollywood. Poi con la Muralla Roja di Bofill il suo palmarès si è arricchito anche di un’architettura iconica. In generale la spontaneità del soggetto catturata nello scatto è il suo marchio di fabbrica ma nel caso specifico di Bofill racconta: “Il lavoro con Bofill è un documentario, molto interessante poiché mi ha permesso di vedere 50 anni del suo lavoro. Quindi penso che il concept del “tempo” potrebbe essere l’idea centrale del progetto. In questo caso Il mio approccio si è basato più sulla composizione che sulla volontà di descrivere l’edificio. Molto spesso i progetti Bofill nascono da un’idea forte (la simmetria per esempio). Trovare che l'idea è sempre il mio punto di partenza. Queste immagini sono un buon esempio.”

www.gregoricivera.com

LEGGI ANCHE:

Natura e architettura, i colori pastello di Aurore Bano

Pareti colorate: ispirazioni a casa del designer Guillermo Santomà


di Pietro Terzini / 30 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web