ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Museo Pecci Prato, un nuovo volto ultramoderno firmato maurice Nio

Riaperta al pubblico la struttura museale toscana dopo l’intervento di ampliamento e restyling

Una nuova avveniristica veste per uno dei templi storici dell’arte contemporanea in Italia, il Centro Pecci - museo di Prato -, che dal 16 ottobre 2016 ha riaperto le proprie porte, inaugura una nuova ala nata dal progetto di ampliamento e restyling Sensing the Waves, firmato dall’architetto olandese Maurice Nio.

Un nuovo guscio pensato come estensione della precedente struttura dalle atmosfere industriali, immaginata nel 1988 da Italo Gamberini per dare forma al sogno dell’imprenditore Enrico Pecci. Una sezione dal forte impatto architettonico concepita per raddoppiare la superficie espositiva e regalare una nuova dimensione pubblica al museo toscano.

Rivestimenti metallici color bronzo, pareti di vetro, linee morbide e una solida leggerezza caratterizzano lo scenografico nuovo anello, che circonda e abbraccia il vecchio edificio ripensandone le logiche e le funzionalità, all’interno di un’area complessiva di 10.000 mq. «Rispetto al carattere rigido e meccanico della struttura preesistente», racconta Maurice Nio, «il nuovo progetto propone un linguaggio intessuto di forme fluide e sognanti».

Lo spazio così trasformato potrà ospitare in nuovi percorsi espositivi temporanei e tutte le opere - oltre 1000 - della collezione permanente. Accanto a queste, un ricco archivio, una biblioteca specializzata con più di 50.000 volumi, un teatro all’aperto, un cinema/auditorium, uno spazio performativo, un bookshop, un pub/bistrot, un ristorante, laboratori e varie sale d’incontro.

A segnare inconfondibilmente il nuovo profilo della struttura, una sorta di grande corno sinuoso che si erge dal tetto dell’edificio. Un’antenna per intercettare idealmente le nuove forme di creatività, un suggestivo segnale urbano in grado di catalizzare l’attenzione e ispirare la fantasia delle persone.

 

www.centropecci.it
www.nio.nl

SCOPRI ANCHE:

OMA e Hassell presentano il progetto per il nuovo Museo per l'Australia Occidentale
L'ultima opera di Rem Koolhaas al Musee National des Beaux-Arts a QuebecCity
MVRDV e COBE insieme per Ragnarock, museo del rock in Danimarca
→ Toyo Ito progetta il Mib a Puebla in Messico


di Francesco Marchesi / 17 Settembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Che ne è di Palmira?

Mostre digitali e non per tenere in vita l'architettura mediorientale

mostre

[Architettura]

Notte bianchissima

Uno chalet tradizionale ricavato da un enorme blocco di neve

hotel

[Architettura]

Il cielo in una terrazza

Un bianco gioco di volumi per una specialissima casa con vista

casa vacanze

[Architettura]

4 architetti innamorati

Storie d'amore e di complicità in attesa di San Valentino

San Valentino

[Architettura]

Architettura pop

Ma anche rock o elettronica: 13 videoclip in architetture famose

Costume

[Architettura]

Nella natura a Buenos Aires

Una casa nel parco, completamente di legno, per chi ama il silenzio

Case in legno

[Architettura]

Country pink

4 ville con piscina firmate dal più eclettico architetto coreano

case con piscina

[Architettura]

Tra cocooning e natura

In Cile una casa avvolta dalle querce di una foresta privata

Case in legno

[Architettura]

La giungla in hotel

Pareti verdi e piante tropicali per un albergo in Vietnam

hotel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web