ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Gli MVRDV progettano casa Kwantes, avvolta intorno ad un ulivo

L'ultima casa firmata MVRDV è pensata per relazionarsi con il paesaggio senza dimenticare la privacy di chi lo abita

mvrdv-casa-kwantes-rotterdam

Casa Kwantes è l'ultimo progetto degli MVRDV a Rotterdam tra pricacy e rapporto con il paesaggio

Gli MVRDV progettano, a Rotterdam, casa Kwantes tra esigenze di privacy e rapporto con il paesaggio. Guardandola dalla strada appare come un semplice parallelepipedo rettangolare, un volume compatto, puro, rivestito in mattoni bianchi con minime aperture che non lasciano intravedere molto di quanto si celi oltre la facciata. Non si pensa minimamente ad uno scrigno architettonico che possa contenere particolari sorprese spaziali.

Anche una volta varcata la soglia, la casa del famoso studio olandese, conserva il suo mistero, introducendo il visitatore in una sala di ingresso piccola e buia. Ma è da qui in poi che si rivela il suo lato imprevedibile e affascinante: la parte interna, distribuita su due livelli, si apre infatti completamente a sud, e i mattoni cedono il posto a una vetrata curva e continua, che invita la luce a inondare gli spazi.
Passando attraverso la biblioteca e il soggiorno, gli ambienti principali situati al piano terra, si accede al cortile interno che, si sviluppa in maniera curvilinea intorno ad un grande albero di ulivo che è l'anima antica di questo progetto abitativo. Il suo punto focale.

Posto al centro del cortile, interamente pavimentato, è circondato dalle forme fluide della casa che sembrano avvolgerlo, ruotando morbidamente intorno ad esso. L'albero diventa il perno, il punto nevralgico in funzione del quale è organizzato lo spazio. Non a caso la pavimentazione interna prosegue all'esterno, a suggerire una continuità di luogo e di intento. Il cortile della MVRDV house non è separato dalla struttura, ma ne è parte integrante ed essenziale.
Il secondo livello, oltre ad ospitare le camere da letto, si caratterizza per la presenza di una balconata continua che corre lungo tutto il lato interno. A completare la casa, che si dispiega su una superficie di 480 mq, ci sono un garage, una piccola cantina e una terrazza posta in fondo al giardino, ideale per i barbecue estivi.

Per quello che riguarda gli interni, gli MVRDV sono maestri. Il design urilizzato fonde gusto retrò e innovazione. Da una parte infatti rende omaggio al modernismo anni 30, con le sue alte vetrate e il gioco di contrasti (piatto/fluido, chiuso/aperto, rigido/flessibile), dall'altra stupisce, con scelte inconsuete, come fare di un ulivo il protagonista indiscusso. Senza dimenticare l’ambiente: il progetto prevede infatti un sistema di riscaldamento evoluto e una piena autosufficienza energetica.

Per gli abitanti della casa MVRDV, tutto questo si traduce in privacy, tranquillità e perfetta armonia tra spazio abitativo e natura.

www.mvrdv.nl/zh/projects/casa-kwantes


di Elisa Zagaria / 22 Marzo 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Modernismo e utopia on the beach

Viaggio a Fire Island, la terra promessa degli anni '70

Itinerari

[Architettura]

Come cambierà la Tour Montparnasse

Il progetto di ristrutturazione della Tour Montparnasse? Naturalmente green.

progetti

[Architettura]

Sostenibilità newyorkese

Nasce su Roosevelt Island il nuovo centro Bloomberg progettato da Morphosis

uffici di design

[Architettura]

Zaha Hadid segreta

A Praga i 50 progetti mai visti di un genio creativo

Zaha Hadid

[Architettura]

The Deuce, Time Square 1980

30 anni e una rivoluzione nel cuore della Grande Mela

progetti

[Architettura]

Casa Emercency a Milano

Una vecchia scuola abbandonata rinasce nel progetto di TAMassociati

edifici pubblici

[Architettura]

Al Louvre Abu Dhabi 7850 stelle

Il museo disegnato da Jean Nouvel apre negli Emirati

Musei

[Architettura]

Lost Utopias, la fiaba di Expo

Quel che rimane delle World's Fair raccontato per immagini

libri di design

[Architettura]

La Biennale di Chicago

CAB 2017: L'architettura ha bisogno di guardare ancora al passato?

eventi

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web