ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

MVRDV: una scala temporanea per festeggiare i 75 anni dalla ricostruzione di Rotterdam

Una scala in tubolari d'acciaio è l'ultima architettura urbana del celebre studio di progettazione olandese

Gli MVRDV a Rotterdam. La città celebra se stessa o meglio i 75 anni dalla sua rinascita dopo i bombardamenti dell'aviazione tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale. Dopo tre quarti di secolo, la capitale olandese dell'architettura, festeggia utilizzando la ricostruzione architettonica e l'urbanista d'avanguardia in una città che non ha mai smesso di crescere e che ha fatto del prestigio e del design innovativo, il suo stendard.
The Stairs (La Scala) è quindi un nuovo simbolo. Un'installazione temporanea in tubolari di acciaio progettata da quello stesso studio olandese - dell’archistar Winy Maas - che già nell'ottobre del 2014 aveva pensato e realizzato il Markthall (leggi anche → Markthal: un progetto di studio MVRDV a Rotterdam) - di fronte alla cubica foresta surreale di Piet Blom – considerato, ancora oggi, uno degli edifici più innovativi della città.

L'architettura temporanea - visibile e utilizzabile fino al 12 giugno 2016 – è composta da 180 gradini per 29 metri di altezza e 57 di lunghezza. Il sitema di risalita aereo conduce alla Stationsplein - la parte superiore del Groot Handelsgebouw -, un edificio simbolo della storia cittadina nella piazza di fronte alla stazione Centrale di Rotterdam.

Inaugurata dal borgomastro della città Ahmed Aboutaleb, segue la tradizione di Rotterdam di celebrare con edifici particolari le pietre miliari della ricostruzione. Alcuni esempi? Nel 1960 la grande torre dell’Euromast, dieci anni dopo la funivia sul Coolsingel, ormai arteria principale della città. «Ora creiamo un nuovo punto di avvistamento dove le persone possono godere di una vista unica sulle recenti costruzione: dalle gru del porto, fino al nuovo centro della città e alla recente ristrutturazione dello zoo di Blijdorp», spiega Anouk Estourgie dell’Associazione.

La scala offre una progressione di prospettive sulla città e dà anche accesso diretto al tetto del Groot Handelsgebouw con una piattaforma di osservazione temporanea. Qui l'ex cinema Kriterion, popolare nel 1960, riaprirà appositamente per l'evento offrendo una vasta rassegna di film, dibattiti e spettacoli.

Una visione dopo l'altra. «Dopo il film c’è il fantastico spettacolo della panoramica sulla città», spiega Winy Maas, co-fondatore di MVRDV e responsabile del progetto. «Il tetto del Groot Handelsgebouw, uno dei migliori edifici della ricostruzione dei Paesi Bassi, merita di essere usato come punto di partenza. Per immaginare un secondo livello della pianificazione urbana di Rotterdam: il momento di una nuova ricostruzione».

Gli MVRDV sono, in questo momento, impegnati in un secondo progetto nel cuorte di Rotterdam: Si tratta del deposito visitabile del Museo Boijmans Van Beuningen, con l’esterno a specchio e un giardino di sculture sul tetto.

www.mvrdv.com

SCOPRI ANCHE:
→ L’architettura del futuro secondo Winy Maas


di Paola Testoni / 23 Maggio 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web