ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Dentro la nuova sede della Nike a New York c'è anche un campo da basket

I nuovi uffici realizzati da Studios Architecture e WeShouldDoItAll sono un grande omaggio alla mitologia Nike e al suo stretto rapporto con New York

00-nike-new-york-headquarters
Nike

Avenue  of the Americas numero 855, tenete a mente quest’indirizzo, è qui che troverete i nuovi Nike New York Headquarters: una struttura di quasi 14.000 metri quadri distribuiti su sei piani: dentro c’è anche un campo da basket. Progettato da Studios Architecture e da WSDIA (WeShouldDoItAll), questo posto promette di diventare uno dei luoghi chiave della Nike a New York e nel mondo. 

Il legame tra Nike e New York City è quasi “intimo”: lo si respira nei tanti campi da “basket di strada”, nelle squadre scolastiche delle high school, nei numerosi “club della corsa” che partono da negozi come il Nike Running Flatiron Store o dalla Nike Town sulla cinquantasettesima strada. Di recente, Nike ha deciso di puntare su 12 città strategiche, per la crescita futura del marchio e per servire i clienti in modo molto più veloce e diretto. È in questo grande piano che si inserisce la realizzazione dei nuovi Nike New York Headquarters. L’idea è quella di far partire da qui prodotti ispirati a New York City, e di intrattenere un rapporto più immediato con la città.

Negli interni, spazi di lavoro a pianta aperta sono stati pensati per facilitare la creatività e la collaborazione. Un furgoncino VW Van è un chiaro omaggio alla mitologia di Nike, ai tempi in cui Bill Bowerman e Jeff Johnson distribuivano le scarpe personalmente, a bordo di quel veicolo. Molte le sale conferenze, con pannelli realizzati in materiali riciclati da Miniwiz, e ispirate a suole delle scarpe. Nelle meeting areas, tutto è concepito per omaggiare l’universo Nike e il suo rapporto con New York: materiali, illustrazioni, grafiche. C’è anche un mosaico di piastrelle che raffigura Micheal Jordan, e un tappeto fatto a mano che riporta tutte le vittorie di campionato degli Yankees (la squadra di baseball di New York).

Sul tetto (foto d'apertura) una grande terrazza ospiterà le riunioni all’aperto o fornirà ai dipendenti uno spazio per il relax (magari godendosi il pranzo servito dal food-truck aziendale). È quassù che si staglia, iconico, un immenso simbolo Nike, riconoscibile dall’alto: la sua linea parla la lingua dello sport, del dinamismo, e in qualche modo di New York. Visto migliaia di altre volte, qui è realizzato interamente con piante di Sedum. 

Ma andiamo al pezzo forte. Dentro i nuovi Nike New York Headquarters c’è un campo da basket indoor di circa 370 metri quadrati. Con gradinate da 400 posti, ospiterà competizioni delle leghe locali, delle squadre scolastiche e dei partner di Nike. Oltre che le partite tra i dipendenti. Le tribune e le segnaletiche sono stati realizzati da WeShouldDoItAll in collaborazione con Michael Spoljaric (Direttore creativo Senior di Nike Global Basketball).

La connessione tra Nike e New York continua nel mondo retail. Con il Nike SoHo Store (529 Broadway), il Nike Community Store a Brooklyin e moltissimi altri negozi e grandi store. E se le origini sono nell’Oregon, come ricorda una parete in corteccia di 9 metri negli Headquarters, Nike si sente sempre di più #NewYorkMade.

nike.com

LEGGI ANCHE:

La Nike Air Jordan XXXII divena made in Italy, "Bellissima"

Le Adidas Stan Smith con i tessuti Kvadrat


di Roberto Fiandaca / 17 Novembre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Quanto conosci Frank Lloyd Wright?

Un ritratto fotografico in 532 edifici, molti dei quali dimenticati

Costume

[Architettura]

Pistoia Reloaded

Itinerario alla scoperta del volto contemporaneo della città

itinerari

[Architettura]

Gli occhi delle torri

Le foto di Laurent Kronental scattata dalle Tours Aillaud

costume

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web