ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

OMA firma il Faena Forum di Miami

Il progetto di Rem Koolhas è un grande volume bianco che segna la rinascita della zona Mid Beach

oma-faena-forum-miami
Iwan Baan

Lo studio OMA firma il Faena Forum di Miami, un nuovo centro d’arte e spettacoli finanziato dall’impresario argentino Alain Faena, con l’intento di trasformare la zona di Mid Beach in un nuovo polo creativo e centro culturale: il Faena District (che si estende da Atlantic Avenue fino a Indian Creek waterway).

Il progetto di edificazione e trasformazione del quartiere urbano popolato da palazzi in stile art deco, nel centro di Miami, inizia un anno fa con la nascita del Faena Hotel firmato Philippe Starck (che rinnova un vecchio edificio degli anni quaranta in un palazzo sfarzoso stile resort tropicale) e Faena House, l’edificio residenziale di 18 piani in stile contemporaneo realizzato da Fosters+Partners.

Il nuovo forum, che si estende in due isolati sulla Collins Avenue, rappresenta “il centro culturale di questa rinascita del quartiere, punto d’incontro tra l’America del sud e l”America del nord” secondo la visone dell’hotellier che già negli anni Novanta aveva riedificato l’area di Puerto Madero a Buenos Aires, allora in stato derelitto.

Il progetto di 367 metri quadri, lanciato in contemporanea con l’Art Basel di Miami, comprende due volumi principali - un cilindro e un cubo - rispettivamente la sala eventi e un hotel e centro conferenze.

Dalla forma cilindrica e la facciata liscia e perforata in cemento bianco, il Forum si affaccia sulla vista mare con finestre irregolari che s’inarcano intorno alla struttura ispirata, secondo la visione dello studio Oma, al design del Guggenheim di New York. Con un andamento ondulare e l’oculo interno alto dodici metri che si apre al cielo, la sala auditorium ospiterà un ricco calendario di eventi messo a punto dalla moglie di Faena, Ximena Caminos, curatrice e direttrice esecutiva del Faena Art Center a Buenos Aires.

Da un cuneo alla base del volume cilindrico la struttura, sopraelevata da un lato, si apre all’esterno, sulla piazza, dove e’ situato Il Faena Bazaar, che prende il posto dell’ex Atlantic Beach Hotel con la struttura in cemento bianco e le tettoie alle finestre, riconvertita in quello che diventerà il Miami Dover Street. Caratterizzata da una corte interna a più livelli in bianco frangisole e un garage iper tecnologico, dotato di ascensore per le auto, con i pannelli di cemento perforati che provvedono un’adeguata circolazione dell’aria e la vista mare nei livelli più alti. L’edificio a forma di cubo si collega alla struttura cilindrica adiacente al terzo piano in una sala teatro di 789 metri quadri, con un’entrata secondaria sul piazzale verdeggiante che unisce le due strutture e si affaccia sulla baia, dove in futuro l’aggiunta di un’area portuale offrirà l' accesso al Faena District a chi approderà in barca. 

www.faena.com

SCOPRI ANCHE:
 Vacanze d'inverno a Miami, New York e Londra
Un hotel sul lungomare sul South Beach


di Monica Mascia London / 2 Dicembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

In punta di penna

Milano raccontata dai grandi autori italiani

Travel

[Architettura]

Vienna effetto Wow

Arte, architettura e design nei posti più cool della capitale Austriaca

Itinerari

[Architettura]

Una mela al giorno...

A Cupertino Apple apre il Visitor Center progettato da Norman Foster

edifici pubblici

[Architettura]

Nuovo grattacielo a Milano

Lo skyline della città cambia ancora con Gioia 22, pronto tra 3 anni

progetti

[Architettura]

Il volto urbano nella storia

La mostra di Carlos Garaicoa alla Fondazione Merz di Torino

mostre

[Architettura]

L'architettura della giustizia

Il tribunale di Parigi firmato Piano è aperto e trasparente, come la legge

edifici pubblici

[Architettura]

Il salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web