ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

OMA ha costruito una scuola di ingegneria nella Silicon Valley francese

lo studio di Rem Koolhaas realizza fuori Parigi il suo primo edificio scientifico

00-oma-rem-koolhaas-scuola-ingegneria-centralesupelec-parigi
Photograph by Vitor Oliveira, Courtesy of OMA

OMA, il leggendario studio di Rem Koolhaas, inaugura oggi il Lab City Centrale Supélec, un edificio che ospita laboratori di ricerca e una nuova scuola di ingegneria per l’università Paris-Saclay. Questo è il primo passo verso la costruzione di una piccola Silicon Valley tutta francese in un quartiere, il Joliot-Curie, il cui ambizioso masterplan è dello stesso studio olandese. L’idea generativa del progetto di OMA è quella di accorciare le distanze (fisiche e culturali) tra università, ricerca e azienda, ospitando i principali player del tech in un unico campus di 22 ettari.

 

Photograph by Philippe Ruault, Courtesy of OMA

 

Photograph by Philippe Ruault, Courtesy of OMA

 

Il progetto di OMA per il polo di ingegneria della CentraleSupélec (università nata nel 2015 dalla fusione tra due eccellenze dell’ingegneria francese, l’Ecole Centrale e Supélec) è visionario e sfida lo status quo. Infatti nell’era della privatizzazione, dove l’architetto si ritrova ad essere uno strumento nelle mani degli urban marketers (come lamenta Gregotti in una recente intervista), OMA si è autoimposta una sfida. Ovvero quella di esplorare una nuova dimensione educativa, sociale e civica in contrapposizione ad un contesto dominato dalla forza dell’immagine, delle forme e dell’impatto visivo.

E il compito sembra essere stato portato a termine con successo, per altro con due plus: sia i tempi di consegna che il budget sono stati rispettati (un caso più unico che raro). Qundi alla prima campanella di settembre i futuri ingegneri di Francia potranno iniziare ad inserire i voti nei loro libretti digitali mentre OMA aggiungerà al proprio palmarès una nuova realizzazione: il suo primo edificio scientifico.

 

Photograph by Vitor Oliveira, Courtesy of OMA

 

Photograph by Vitor Oliveira, Courtesy of OMA

 

Ellen van Loon e Edouard Pervès di OMA hanno progettato questa scuola di ingegneria su una rigida griglia urbana, dove le aule e i laboratori di ricerca sono ospitati in blocchi indipendenti.  Alcuni volumi sono più alti di altri, su di essi la copertura è costituita da tetti giardino e terrazze. Invece i blocchi che ospitano le aree pubbliche della scuola, i corridoi e la piazza coperta interna, sono illuminati dall’alto dalla luce naturale grazie a una copertura traslucida e trasparente. Tratto caratteristico del complesso è un ampio corridoio che corre lungo la sua diagonale con la funzione di collegare la scuola di ingegneria al resto del campus.

 Ellen van Loon, partner-in-charge di OMA ha dichiarato: "L'aspetto più interessante di questo progetto è stato quello di inventare un nuovo concetto spaziale per una scuola di ingegneria leader a livello mondiale, in un momento in cui molte discipline scientifiche devono mescolarsi e collaborare vigorosamente tra loro per fare in modo di restare competitivi".

 

Photograph by Vitor Oliveira, Courtesy of OMA

 

Photograph by Vitor Oliveira, Courtesy of OMA

oma.eu/

LEGGI ANCHE

L'atlante di OMA con tutta la storia, l'architettura e il futuro di palermo

 

 


di Pietro Terzini / 31 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge dalle acque con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

[Architettura]

9 viaggi per il 2018

Mete sconosciute da scoprire e visitare nel nuovo anno

Travel

[Architettura]

Hotel solare

La tecnologia al servizio del sole nel progetto di Snohetta

progetti

[Architettura]

Le macerie dell'Isis

Palmira, Mosul e le altre città archelogiche distrutte

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali