ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il padiglione trasparente, colorato e soprattutto leggero di SelgasCano a Cognac

Il duo di architetti spagnoli alla prima francese per reinventare lo spazio esterno della Fondation Martell

padiglione-selgascano-cognac

La Fondation d’Enterprise Martell a Cognac mette a nuovo il suo spazio esterno con la prima installazione francese del duo di architetti SelgasCano formato da José Selgas and Lucìa Cano. Quale migliore occasione della ristrutturazione degli ambienti interni per dare il via al progetto che, nel prossimo anno, aiuterà la fondazione a diventare un vero centro culturale per l’intera regione di Nouvelle-Aquitaine?

A ripensare i 2350 metri quadri è stato chiamato un duo che riflette i valori della fondazione e che potesse segnare il passo anche per i lavori a venire. Leggerezza, ecosostenibilità, queste le parole d’ordine. SelgasCano ha deciso infatti di costruire un “Padiglione trasparente” utilizzando meno materiali possibile, perché l’intera struttura fosse facilmente dislocabile e riutilizzabile. E infatti, finita l’esposizione a Cognac, il padiglione riprenderà vita altrove, mentre alcune parti rimarranno alla fondazione non solo come pezzi da archivio, ma con scopi pratici.

La leggerezza, tratto distintivo di tutta la produzione di SelgasCano, è perseguita attraverso l’utilizzo di un materiale high-tech sviluppato da Onduline, scelto con estrema cura, disponibile in lamiere continue di un solo millimetro di spessore, in poliestere e fibra di vetro, che ricorda la carta di riso giapponese. Nonostante gli indispensabili contrappesi e gli assi in metallo, le pareti ondeggiano ancora al vento, come una grande vela pronta a prendere il largo.

Nel complesso, la struttura offre nicchie e cantucci di varie dimensioni che ospiteranno le iniziative estive, come workshop e concerti. Anche per questo si è scelta una struttura aperta e trasparente, che permettesse il flusso di persone e idee. Uno spazio che si lascia esplorare e reinventare, e che offrirà spunti per il gioco e la creatività.

www.fondationdentreprisemartell.com

SCOPRI ANCHE:
Il padiglione della Serpentine firmato Selgascano
Il coworking di Lisbona progettato da Selgascano


di Stefano Annovazzi Lodi / 5 Luglio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Gli occhi delle torri

Les Yeux des Tours, la serie fotografica di Laurent Kronental scattata dalle Tours Aillaud

costume

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

[Architettura]

La Beirut segreta

Elegante e resiliente, la capitale del Libano in un tour da intenditori

Itinerari

[Architettura]

Una stanza in mezzo al lago

Una vecchia centrale idroelettrica diventa hotel sull'acqua

hotel di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web