ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Cosa puoi fare per salvare la villa di Gio Ponti in Iran

Una petizione da firmare online contro la decisione di demolire Villa Nemazee, a Teheran, per costruire un hotel stellato

petizione-gio-ponti-villa-nemazee-iran-vista-esterna
Foto Archivio Gio Ponti

Villa Nemazee a Tehran è l’unica opera di Gio Ponti rimasta inalterata in Medio oriente. Ora rischia di essere demolita per costruire al suo posto un hotel di lusso

Una petizione per salvare un capolavoro di Gio Ponti in Iran. L’appello è rivolto a tutti gli amanti dell’arte e dell’architettura nel mondo: è necessario firmare per salvare dai bulldozer Villa Nemazee a Tehran. Ad oggi oltre 5000 persone si sono mobilitate per opporsi alla decisione dell’attuale proprietario, già autorizzata dal tribunale addetto, di costruire al suo posto un hotel cinque stelle di 20 piani. Un vero e proprio abominio, se si considera che la villa è l’unica opera dell’architetto milanese rimasta inalterata in Medio Oriente.

Tutte le foto: Archivio Gio Ponti

L’obiettivo della petizione spontanea è sensibilizzare la comunità internazionale e le principali autorità del settore perché intervengano a difesa di un esempio estremamente notevole di architettura moderna. Tra queste l’UNESCO e il Politecnico di Milano, già coinvolti nella conservazione di un altro edificio di Ponti a Baghdad, danneggiato durante la guerra in Iraq.

Nel distretto di Niavaran, a Nord della capitale, Villa Nemazee è parte di una serie di tre costruzioni progettate da Ponti negli anni '50. Le altre proprietà, Villa Planchart e Villa Arreaza, si trovano entrambe a Caracas in Venezuela. Progettata nel nome di quella “joie d'y vivre” spesso invocata dall'architetto Ponti, la villa presenta i tratti distintivi del suo stile, risalenti al periodo della realizzazione del Grattacielo Pirelli, considerato la sua opera più significativa. La pianta aperta, la balconata del soppalco che sormonta l’area del soggiorno centrale, il patio interno, le ampie vetrate alternate a piccole finestre irregolari, testimoniano la sua perenne ricerca dell’eleganza e un’inclinazione visionaria verso tutto ciò che è innovativo e stupefacente.

Le linee architettoniche si piegano all'uso delle stanze, il marmo chiarissimo dei pavimenti crea un leit motiv tra gli ambienti, mentre gli arredi e l’illuminazione provano il talento del Ponti designer. Nella villa infatti, oltre ad alcuni suoi pezzi iconici, sono presenti vari esempi delle celebri "pareti organizzate”, ovvero pareti prefabbricate in cui sono integrati apparecchi e attrezzature aventi funzione specifica. Spiccano inoltre varie ceramiche di Fausto Melotti e opere di Paolo De Poli, collaboratori di Ponti nel progetto di Teheran.

“Se questo capolavoro si trovasse in qualunque altro luogo sarebbe protetto”, ha denunciato al Guardian Leila Araghian, autrice del recentissimo Tabiat Bridge. Come lei, molti altri architetti locali sono preoccupati della negligenza che le autorità iraniane stanno dimostrando nei confronti del patrimonio artistico e architettonico del Paese.

"Più di 300 opere sono state registrate a Teheran e nei suoi dintorni negli ultimi anni - fa notare al giornale inglese Parshia Qaregozloo, curatrice del padiglione dell’Iran all’ultima Biennale di Venezia - ma molte di queste restano sconosciute ai più e rischiano la demolizione improvvisa".

Visto che la causa ci coinvolge per più di una ragione, come italiani e appassionati di architettura, firmare è un dovere. Qui il link alla petizione

www.gioponti.org

 

 


di Laura Ghisellini / 8 Gennaio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Nella natura a Buenos Aires

Una casa nel parco, completamente di legno, per chi ama il silenzio

Case in legno

[Architettura]

Country pink

4 ville con piscina firmate dal più eclettico architetto coreano

case con piscina

[Architettura]

Tra cocooning e natura

In Cile una casa avvolta dalle querce di una foresta privata

Case in legno

[Architettura]

La giungla in hotel

Pareti verdi e piante tropicali per un albergo in Vietnam

hotel

[Architettura]

Prefabbricato taylor-made

Da Studio Mapa un modulo che diventa rifugio, showroom e hotel

casa moderna

[Architettura]

Arte, architettura e paesaggio

La firma di Snøhetta per il Museo d’Arte e il cinema di Lillehammer

musei

[Architettura]

Nuovo spazio pubblico

In Tailandia, un centro commerciale che è anzitutto una comunità

edifici pubblici

[Architettura]

Abitanti appassionati di colore

Sono 5000 i cittadini di Guatape: il paese più colorato al mondo

Illustrazioni

[Architettura]

Patrizi contemporanei

A Ibiza una villa che è una fusione di concetti classici

Casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web