ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Pareti da toccare e opere d'arte: Petra Gipp trasforma un ufficio in uno spazio da favola

Una casa dell'800, tutta rosa, e un'aggiunta moderna che reinterpreta la tipologia della capanna scandinava per il nuovo headquarted della Lindengruppen in Svezia

petra-gipp-uffici-lindengruppen-svezia
© Jens Markus Lindhe

Nel nuovo edificio per uffici disegnato dallo studio svedese Petra Gipp Arkitektur, moderno e antico si rincorrono tra volumi in mattone a vista, tradizionali tetti a falda e  giocose opere d’arte 

“C’era una volta a Bruksgården un illuminato direttore d’industria che viveva in una grande casa rosa nel villaggio di Höganäs, in Svezia.” Inizierebbe così la favola ambientata in questa palazzina del 1805 appena trasformata dallo studio Petra Gipp Arkitektur nel moderno Headquarter della Lindéngruppen, una società di investimenti a gestione familiare focalizzata sullo sviluppo industriale a lungo termine.

© jens markus lindhe

Il nuovo ampliamento disegnato dallo studio svedese Petra Gipp è un semplice edificio che reinterpreta in chiave moderna la capanna scandinava tradizionale, caratterizzata da un lungo rettangolo con tetto a falde regolari. Il risultato è un lungo volume estruso dall’aspetto scultoreo, scavato da grandi aperture rientranti intercalate con elementi aggettanti in cemento.

© jens markus lindhe

Il progetto si basa sull’uso di materiali tattili come il mattone a vista grigio all’esterno per le facciate e per il tetto, che contrasta con le pareti e il pavimento di cemento interni, a cui si alternano superfici di intonaco e finiture in legno.

© jens markus lindhe

Le opere d’arte hanno un ruolo fondamentale nella creazione di un ambiente quasi fiabesco, infatti  il giardino e gli spazi interni della palazzina sono popolati da bizzarri personaggi che accompagnano per mano il visitatore durante la visita, che passa anche attraverso una scultorea scala in legno.

© jens markus lindhe

www.gipparkitektur.se


di Eugenia Murialdo / 8 Settembre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

In punta di penna

Milano raccontata dai grandi autori italiani

Travel

[Architettura]

Vienna effetto Wow

A caccia di arte, architettura e design nei posti più cool della capitale Austriaca

Itinerari

[Architettura]

Una mela al giorno...

A Cupertino Apple apre il Visitor Center progettato da Norman Foster

edifici pubblici

[Architettura]

Nuovo grattacielo a Milano

Lo skyline della città cambia ancora con Gioia 22, pronto tra 3 anni

progetti

[Architettura]

Il volto urbano nella storia

La mostra di Carlos Garaicoa alla Fondazione Merz di Torino

mostre

[Architettura]

L'architettura della giustizia

Il tribunale di Parigi firmato Piano è aperto e trasparente, come la legge

edifici pubblici

[Architettura]

Il salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web