ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

In Cina sul ponte di vetro più lungo del mondo

Lo studio Haim Dotan ha realizzato un gigantesco ponte pedonale quasi invisibile, per passeggiare a mezz’aria immersi nella natura

ponte-di-vetro-cina
property of Zhangjiajie Grand Canyon Tourism Management Co. Ltd

La struttura quasi invisibile del Ponte dei Cuori Coraggiosi, come è stato soprannominato dal suo creatore Haim Dotan, diventerà il palcoscenico di sogni, sfilate ed eventi a stretto contatto con la magia delle nuvole.

Attraversare il cielo passeggiando, circondati dal verde di una natura incontaminata, senza la paura di svegliarsi e precipitare nella vita di tutti i giorni. Un sogno che diventa finalmente realtà grazie a una sfida architettonica lunga 385 metri, lanciata dall’architetto e poeta Haim Dotan con la sofisticata struttura dello Zhangjiajie Grand Canyon Glass Bridge, uno dei ponti pedonali sospesi più imponenti e invisibili del mondo.

Foto: property of Zhangjiajie Grand Canyon Tourism Management Co. Ltd

Sospeso a 300 metri di altezza dal fondo di una profonda gola naturale, all’interno di un parco nazionale nella provincia Hunan in Cina, lo Zhangjiajie Grand Canyon Glass Bridge è stato pensato per essere al tempo stesso imponente e leggerissimo, semplice ed estremamente sofisticato, per esistere sparendo nello spettacolo della natura senza contaminarlo, fedele alla massima taoista: “Il più grande dei suoni è inaudibile, la più grande delle forme è invisibile”.

Foto: property of Zhangjiajie Grand Canyon Tourism Management Co. Ltd

Per creare questo gigante discreto, un sottile ponte bianco capace di scomparire nelle nuvole e nella nebbia, i progettisti dello studio Haim Dotan Architects and Urban Designers hanno da subito immaginato un pavimento di grandi pannelli in vetro laminato spessi 50 mm, in grado di sopportare 40 tonnellate ciascuno. A sostenerli, una struttura portante lunga quasi 400 metri dallo spessore record di soli 60 centimetri. Affilato e sottile il profilo del ponte può così tagliare con facilità il vento, risparmiando da un carico eccessivo gli imponenti cavi di sostegno.

Foto: property of Zhangjiajie Grand Canyon Tourism Management Co. Ltd

Alle estremità del ponte le quattro grandi torri di sospensione della struttura sono state ricoperte di alberi e piante, completando così la sorprendente opera di mimetizzazione della struttura nel paesaggio. Un passaggio per coraggiosi che consente di assaporare l’emozione di incamminarsi verso l’orizzonte, immersi nella magia delle nuvole.

www.haimdotan.com


di Francesco Marchesi / 19 Marzo 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Emozione vs. funzione

La nuova architettura organica di MAD Architects parla cinese

Edifici pubblici

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web