ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Richard Meier porta nella campagna inglese la versione moderna della Manor House

Total white, essenziale, ecosostenibile e perfettamente integrata col territorio, benvenuti all'Oxfordshire Residence

richard-meier-architetto-casa-di-campagna-inghilterra
Hufton+Crow

Linee pulite, superfici bianche, uno specchio d’acqua ed è subito Richard Meier.

Un classico, se si pensa ai lavori dell’architetto statunitense, un progetto controcorrente se si pensa alla sua location: la contea dell’Oxfordshire.

 

LEGGI ANCHE → La Douglas House di Richard Meier è patrimonio storico del Michigan

Foto di Hufton+Crow

 

Sì, perché vagando tra le verdi colline della campagna inglese, ci si aspetta di imbattersi in piccoli villaggi in pietra, cottage e manor houses, ma non certo in una candida architettura contemporanea che prende in prestito dalla tradizione ma la reinterpreta, sconvolgendola, in una chiave assolutamente contemporanea. 

Stiamo parlando del primo progetto su suolo britannico dello studio Richard Meier & Partners, completato nel 2016 dopo circa 10 anni di lavoro.

 

 Foto di Hufton+Crow

 

Linea guida di Oxfordshire Residence è l’integrazione col territorio. Fondamento dell’architettura contemporanea, certamente possiamo supporre che questa caratteristica renda il progetto di Meier apprezzato anche dai locali più conservatori e tradizionalisti, come solo gli inglesi sanno essere!

 

 Foto di Hufton+Crow

 

Alla ricerca del perfetto equilibrio tra edificio e paesaggio, Meier firma un’abitazione che celebra il paesaggio e ne fa il vero protagonista del progetto. La struttura stessa della residenza ne è dimostrazione. Solida e compatta nella sua parte posteriore riflette la grandezza e la densità della foresta, aperta e luminosa nella parte anteriore affaccia sulle sterminate distese verdi.

 

Foto di Hufton+Crow 

 

Super minimal, sia nei colori, sia nelle linee, sia negli arredi, la casa punta a concentrare tutta l’attenzione degli ospiti sulla vista mozzafiato sulle colline circostanti incorniciata da ampie vetrate che rendono gli spazi comuni location mozzafiato.

 

Foto di Hufton+Crow

 

Il rispetto dell’ambiente non si esaurisce con la struttura ma continua con soluzioni ecosostenibili che vanno dalla riduzione delle emissioni al ricorso a energia da fonte rinnovabile.

 

 Foto di Hufton+Crow

 

Questo di Meier è un progetto contemporaneo ma allo stesso tempo integrato col territorio che si propone come modello abitativo destinato a durare nel tempo. 

 

LEGGI ANCHE → Da Taschen una monografia su Richard Meier

 

Foto di Hufton+Crow

Foto di Hufton+Crow


di Redazione Digital / 14 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Alla scoperta del Villaggio Crespi

A pochi chilometri da Milano, il villaggio industriale della famiglia Crespi

itinerari

[Architettura]

Modernismo on the beach

Viaggio a Fire Island, la terra promessa degli anni '70

Itinerari

[Architettura]

Tour Montparnasse, reloaded

Il nuovo progetto per la Tour Montparnasse? Naturalmente green.

progetti

[Architettura]

Sostenibilità newyorkese

Su Roosevelt Island il nuovo centro Bloomberg progettato da Morphosis

uffici di design

[Architettura]

Zaha Hadid segreta

A Praga i 50 progetti mai visti di un genio creativo

Zaha Hadid

[Architettura]

The Deuce, Time Square 1980

30 anni e una rivoluzione nel cuore della Grande Mela

progetti

[Architettura]

Casa Emercency a Milano

Una vecchia scuola abbandonata rinasce nel progetto di TAMassociati

edifici pubblici

[Architettura]

Al Louvre Abu Dhabi 7850 stelle

Il museo disegnato da Jean Nouvel apre negli Emirati

Musei

[Architettura]

Lost Utopias, la fiaba di Expo

Quel che rimane delle World's Fair raccontato per immagini

libri di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web