ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Google progetta una smartcity sul litorale di Toronto?

Uno smart district sul lago Ontario. Sidewalk Labs, consociata di Google, risponde alla chiamata di Waterfront Toronto

sidewalk-toronto-google
Courtesy Photo Sidewalk Labs

Chissà cosa ne penserebbero, in quel del Canada, delle migliaia di chilometri di costa italiana preda di incuria, abusivismo edilizio e criminalità organizzata. Già, perché Sidewalk Toronto, il mastodontico progetto per lo sviluppo del litorale di Toronto sul lago Ontario, che trasformerà più di 800 ettari sottoutilizzati in un mega-distretto smart e hi-tech, si annuncia come la più grande valorizzazione territoriale del Nord America. Quindi, possiamo lecitamente immaginare, tra le più imponenti al mondo. A promuoverlo c’è una società “sorella” di Google: è stata infatti una consociata dell’azienda “madre” Alphabet, dal nome Sidewalk Labs, a vincere il bando lanciato a marzo, ma l'idea di sbloccare il potenziale del lungolago risale al 2001, quando viene istituito Waterfront Toronto.

Fondata nel 2015, Sidewalk Labs nasce per progettare città intelligenti e ha all’attivo la realizzazione di LinkNYC, la rete di wi-fi libera per New York City. Oltre agli informatici di Google conta tra i suoi urbanisti alcuni responsabili della rinascita di New York del post 9/11. Per questo, Sidewalk Toronto metterà insieme progettazione urbanistica avanzata e nuove infrastrutture digitali per creare "quartieri centrati sulle persone, all’insegna di sostenibilità, mobilità e opportunità economiche”. Il progetto riguarderà inizialmente 12 acri, e verrà esteso a tutto il litorale in caso di successo. Google ha già annunciato che sposterà qui la sua principale sede canadese.

 

Tra i problemi da risolvere ci sono la mancanza di alloggi a prezzi accessibili, il traffico congestionato e pericoloso, l’inquinamento. Hub posti ovunque garantiranno una connettività totale, sia per l’uso privato dei cittadini, ma anche e soprattutto per lo sviluppo dei servizi del futuro, sempre più basati sull’uso dei dati e di sensori: per ridurre il numero di auto vi saranno più bici e mezzi pubblici che si guideranno da soli e in modo più sicuro;  a essere data-driver saranno anche i servizi sanitari e altri programmi di sostegno alla comunità. Già, perché tutti in questa Città Ideale avranno un account in quanto residenti, un profilo attraverso cui l'amministrazione rileverà le opinioni dei cittadini anche sulla posizione delle panchine e sulla manutenzione pubblica. Tutto con un occhio "alla privacy e alla sicurezza che ognuno merita”.

Qui è lecito nicchiare: senza bisogno di gridare al rischio di distopia orwelliana, è vero che nel migliore dei casi si pone un problema di elettrosmog: il dibattito è attuale, tanto che proprio oggi Maurizio Martucci sul Fatto critica le proposte della Raggi sulla wi-fi libera a Roma. Ma sembra che questo non rientri nelle preoccupazioni ecosostenibili di Sidewalk Labs.

Tra le altre proposte figurano anche “nuovi metodi di costruzione” per ridurre i costi delle case e degli esercizi commerciali, parchi e spazi verdi, nuovi sistemi per ridurre il consumo energetico e al contempo sistemi di riscaldamento perché gli esercizi possano stare aperti anche col gelo. Un’apertura che è anche culturale, dato che sarà tenuto in gran conto il rapporto tra città e minoranze: tutti i torontoniani potranno riappropriarsi del loro waterfront. 

L’urbanistica del futuro sarà diretta dall’alto da colossi dell’informatica? A temperare quest’ansia sarà una pubblica assemblea indetta per il prossimo 1 novembre, in cui si ascolteranno i suggerimenti della comunità. Ma solo il futuro potrà decretare se il modello partecipativo sarà una facciata o no. Per il momento Sidewalk Labs ha investito 50 milioni di dollari per la partenza del progetto - il suo più grande - a fronte dell’oltre 1 miliardo di dollari messo da governo ed enti locali per infrastrutture contro le inondazioni. 

Insomma, su Toronto arridono le “magnifiche sorti e progressive” della tecnologia. Non “fine a sé stessa”, assicura  Dan Doctoroff, CEO di Sidewalk Labs, ma per affrontare le nuove grandi sfide delle città con gli strumenti digitali. E ci mette il sigillo anche il primo Ministro Justin Trudeau: “Sidewalk Toronto trasformerà Quayside in un fiorente snodo per l’innovazione e creerà migliaia di posti di lavoro”. Evidentemente non come autisti di autobus, dato che i mezzi si guideranno da soli.

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      


di Roberto Fiandaca / 24 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web