ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Era il tetto di un vecchio garage, oggi è un osservatorio per guardare lo skyline Londra

Lo Studio CookeFawcett ha trasformato il parcheggio di Peckham in hub culturale con osservatorio panoramico sula città

skyline-londra-the-peckham-observatory
Courtesy of Cooke Fawcett

Da oggi Londra ha una terrazza panoramica privilegiata: il Peckham Observatory ospita l’hub creativo di Bold Tendancies che mescola, arte, design e architettura

Nel vostro prossimo viaggio nella capitale inglese volete unire arte, design e una superba vista sullo skyline di Londra? Il place to be è presto trovato: si tratta di The Peckham Observatory, lo spazio artistico di Bold Tendencies, in cima all’omonimo famoso parcheggio multipiano. L'osservatorio, che grazie alla sua posizione offre una prospettiva completamente nuova alle installazioni artistiche presenti, è stato aperto il 18 luglio e si è trasformato immediatamente in uno degli hot-spot della metropoli.

Autori di questo importante make-over di design sono stati gli architetti Oliver Cooke e Francis Fawcett già conosciuti come membri del team Herzog & de Meuron impegnato nell’ultimo progetto di sviluppo del Tate Modern, inaugurato lo scorso anno. Per Bold Tendencies si è pensato ad una piattaforma elevata larga tre metri e mezzo che si estende su tutta la larghezza del parcheggio, su un supporto in acciaio fissato alle due estremità. Due scale su entrambi i lati offrono la possibilità di passeggiare ad altissima quota con una vista completa sulla città senza però avvertirne il rumore mentre l’ampia superficie e le stesse scale sono state ricoperte in legno. Sono poi state realizzate tre aree con panchine appositamente costruite da alternare a sedie a sdraio e superfici con balaustre dove potersi soffermare a guardare il panorama man mano che si sale verso il Frank's Bar. Il caffè è stato posizionato all'estremità opposta vicino ad una struttura aggiunta in un momento successivo e gestita direttamente da Bold Tendencies che la utilizza come punto informativo, biglietteria, shop e che si è presto trasformata nell’hub perfetto per il programma divulgativo ribattezzato Bold Everywhere.

Il Peckham Observatory è il secondo progetto che l’istituzione artistica ha affidato allo Studio Cooke Fawcett dopo il Concert Wall, uno schermo in compensato da utilizzare come sfondo acustico e visivo per le esibizioni musicali dal vivo. Questo riutilizzo creativo del tetto di un parcheggio ha entusiasmato gli architetti che hanno dichiarato: "Siamo felici di tornare a collaborare con Bold Tendencies, un istituto culturale d’avanguardia, che in questi dodici anni di vita ha saputo mantenere viva la capacità di reinventare e presentare nuove esperienze al proprio pubblico".

Bold Tendencies, infatti, è in grado di offrire un fitto programma culturale durante tutto l’anno proponendo arte visiva, musica classica, poesia e letteratura oltre alla commissione di strutture architettoniche pionieristiche come il Frank's Bar il cui progetto è stato affidato allo Studio londinese Practice Architecture. Ridando vita a questi spazi pubblici e regalando una vista spettacolare su Londra, il progetto ha già attirato oltre un milione di visitatori.

www.cookefawcett.com

www.boldtendencies.com

www.practicearchitecture.co.uk

SCOPRI ANCHE:
 5 ristoranti con giardino a Londra
Il nuovo refettorio di Massimo Bottura a Londra
Tom Dixon arreda un coworking


di Paola Testoni / 3 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web