ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Smart Home, ecco cosa ti semplificherà la vita

La tecnologia della casa evolve sempre di più grazie grazie a avveniristiche invezioni

00-smart-home-amazon-key
Getty Images

Le nostre abitazioni saranno sempre più intelligenti, e se la smart home è il futuro, Amazon ci entrerà in casa. Ma di cosa stiamo parlando? Si chiama Amazon Key ed è la nuova invenzione di Jef Bezos. Si tratta di un sistema integrato di smart lock (serratura intelligente), telecamera e app che permetterà al corriere di entrare in casa e lasciare il nostro pacco direttamente in salotto. Vi fidate? Ecco come funziona. Il fattorino arriva alla porta. Il codice a barre del pacco viene scansionato. Ad Amazon arriva la richiesta. Se è tutto in regola Amazon invia l’ok alla fotocamera che inizia a registrare. Poi il telefono del corriere squilla. C’è una notifica, swipe up. La porta si apre. Deposita il pacco, swipe up la porta si chiude: consegna effettuata. Subito dopo il proprietario di casa riceve un messaggio: dentro c’è la conferma della consegna e il breve video che l’ha immortalata. Fantascienza? Neanche tanto, ma questo sarà possibile solo se le nostre case saranno delle smart home.

Ma cos’è una smart home? Bene, la smart home è una casa in cui la tecnologia viene utilizzata per integrare e ottimizzare il funzionamento dei dispositivi domestici. Luce, termostato, serrature, telecamere di sicurezza e elettrodomestici tutti connessi e gestiti da un’unica app.

Sebbene il mercato delle smart home abbia accumulato un lieve ritardo nel decollo rispetto alle previsioni è vivo e vegeto. Negli Stati Uniti il 16% della popolazione vivrà in una smart home entro la fine dell’anno, mentre in Italia già dal 2016 la domanda cresce in doppia cifra.

Secondo le statistiche in vetta alla classifica dei motivi per cui un proprietario decide di trasformare la sua casa in una smart home c’è la sicurezza, seguita poi dell’entertainment, dal controllo climatico e infine da quello della luce. Interessante, e allo stesso tempo paradossale, notare come la sicurezza sia allo stesso tempo una delle principali barriere all’acquisto dei sistemi smart home (insieme al prezzo). La motivazione? Sembra che l’84% degli esperti IT sostenga che i software delle smart home siano più facili da hackerare rispetto a quelli dei telefoni (dato poco rassicurante nell’era dell’hackeraggio).

Ma gli sviluppatori non demordono. E si prevede già il prossimo passo. Da smart le nostre case si evolveranno in autonomous smart home. Sistemi sempre più sofisticati saranno in grado di imparare le nostre abitudini e adattare autonomamente il funzionamento della casa in base alle preferenze dei membri della famiglia. Condizione necessaria sufficiente perché ciò accada sarà l’internet delle cose: ogni oggetto dovrà essere i rete. E quindi il letto sarà collegato alla sveglia a sua volta in rete con la macchinetta del caffè, perché se avrai dormito male il caffè sarà doppio, automaticamente.

LEGGI ANCHE:

Amazon lancia i nuovi prodotti per la Smart Home

Una casa controllabile ovunque tu sia grazie a Edison smart home


di Pietro Terzini / 30 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web