ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Social housing a Milano? Andiamo scoprire come si vive a Cascina Merlata, nella nuova UPTOWN

Edifici di classe A, WiFi ovunque, tanto verde, scuole e molto altro: ecco il nuovo quartiere che nasce nell'area EXPO

cascina-merlata-milano

Finalmente anche Milano avrà il suo smart district con social housing! Si chiama UPTOWN ed è il progetto guidato da Euromilano che mira a riqualificare un’area di 900mila metri quadrati situata a nord-ovest della città in prossimità della zona che ha ospitato EXPO 2015.

Qualità della vita e sostenibilità sono i driver del nuovo smart district milanese. 

Interamente geotermico e teleriscaldato, UPTOWN è il primo quartiere del capoluogo lombardo totalmente a impatto zero, con edifici di classe A e zero emissioni.

Tantissimi i servizi offerti che fanno di questo microcosmo high-tech uno dei quartieri emergenti più in voga. Tra gli altri: un parco verde di 250.000 mq; 10 Km di piste ciclabili; campi sportivi; servizi scolastici; un poliambulatorio medico e un centro commerciale. Senza contare che tutte le abitazioni così come gli spazi pubblici sono dotati di Wi-Fi e servizi di domotica avanzata. 

I primi 137 appartamenti – in vendita in questi giorni – sono quelli di Cascina Merlata, progetto nato nel contesto di UPTOWN e guidato dall’architetto Alessandro Scandurra.

Il tema principale del progetto – costituito da 5 torri e 3 edifici – è la creazione di un sistema residenziale aperto e dinamico che non si chiude su sé stesso ma si apre incorporando e amplificando gli spazi pubblici. In quest’ottica di apertura sono state pensate anche le ampie balconate che incentivano la relazione con il verde circostante. 

Ora vi chiederete, ma quanto costa vivere in un polo così all’avanguardia? Se vi dicessimo 3000€ al metro quadro? Sì, perché Studio Scandurra ha pensato il progetto perché fosse acquistabile a costi contenuti.

Come spiega l’architetto Alessandro Scandurra infatti "Esiste qualcosa di prezioso nei progetti, qualcosa che viene riconosciuto come un valore, un'attenzione a come le cose stanno insieme: una bellezza che si può realizzare prestando attenzione e cura al progetto e non per forza spendendo più denaro, che definirei una bellezza democratica". 


di Chiara Chioda / 13 Giugno 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Emozione vs. funzione

La nuova architettura organica di MAD Architects parla cinese

Edifici pubblici

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web