ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Stile minimal per far convivere abitazione e luogo di lavoro?

Total white e giochi di scatole nel progetto dello Studio Alan Chu per l’attore brasiliano di Eduardo Okamoto.

stile-minimal-casa-studio-attore-brasiliano
Djan Chu

 Il concetto house-in-house prevede un’edificio in muratura, con abitazione e uffici, inserito all’interno di un “magazzino” con pareti a vetrate basculanti perfette come luogo di prove teatrali.

Lo stile minimal è per definizione multitasking, tanto che ci viene in soccorso anche quando dobbiamo conciliare abitazione e luogo di lavoro, come nella proposta dello Studio Alan Chu per l’attore brasiliano di origine giapponese Eduardo Okamoto.

L’edificio racchiude infatti non solo l’abitazione ma anche gli uffici di produzione e gli studi di registrazione che trovano ospitalità in una formula di house in a house d'impronta minimalista. Il concetto dell’architetto prevede una “scatola” bianca in muratura inserita in un edificio di ampie vetrate basculanti che crea un guscio senza interferire con l’abitazione privata.

Questa struttura lascia quindi grande spazio all’architettura di ricerca specialmente perché può offrire un ampio spazio perfetto per le prove teatrali e contemporaneamente una struttura idonea agli uffici. Infatti la parte in muratura si trova all’interno di una struttura a “magazzino” che presenta, nella parte anteriore e posteriore, delle porte incernierate costruite in alluminio e policarbonato alveolare.

Oltre a servire come chiusure e fornire sia illuminazione che ventilazione, queste porte possono anche essere aperte e chiuse come parte di una rappresentazione teatrale. Per gli interni si è optato per il minimalismo, un luminoso colore off-white per le pareti e lastre di legno lucidato per i pavimenti.

www.chu.arq.br


di Paola Testoni / 26 Dicembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I primi 20 anni del Guggenheim

L'anniversario del museo che ha cambiato il destino di Bilbao e non solo

musei

[Architettura]

Bellezze naturali

Sono 26 i nuovi siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità nel 2017

travel

[Architettura]

Emozione vs. funzione

La nuova architettura organica di MAD Architects parla cinese

Edifici pubblici

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web