ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il tempio Baha'i in Cile, un'architettura spettacolare per ogni religione, o per nessuna

Firmato dallo studio Hariri Pontarini a Santiago, un gioiello a forma di cupola in marmo e vetro pensato per accogliere tutti, senza distinzione di religione, sesso, razza o posizione sociale

tempio-bahai-santiago-del-cile
Guy Wenborne, Sebastián Wilson León

Costruito tra le Ande cilene, il Tempio Bahá'í del Sud America affaccia su Santiago ed è definito esternamente da nove "vele" multisfaccettate in vetro che riflettono la luce e riecheggiano le curve del paesaggio circostante.

Il Tempio Bahá'í a Santiago del Cile è un omaggio alla luce e alla natura. Firmato dall'architetto Siamak Hariri dello studio canadese Hariri Pontarini a Peñalolén, è l'ottavo e ultimo dei santuari commissionati dalla comunità internazionale Bahá'í in ciascun continente. Immerso nella natura, tra le colline alla base delle Ande, è un vero capolavoro d’ingegneria che ha richiesto 14 anni di progettazione e costruzione, un gioiello a forma di cupola imponente e multisfacettato del valore di 30 milioni di dollari. 

Costruito in vetro colato e marmo traslucido, materiali che catturano e moltiplicano la luce, il tempio Bahá'í è accessibile da nove ingressi situati intorno alla cupola a simboleggiare l'accoglienza di pellegrini provenienti da ogni angolo del mondo, segno dell'apertura verso persone di ogni sesso, razza, religione e posizione sociale che contraddistingue questo credo. Nove sono anche le ali che contraddistinguono la struttura esterna, imprimendole dinamismo e leggerezza e riprendendo l'andamento delle curve andine. Nelle parole di Siamak Hariri, "l'obiettivo era ricomporre una serie di apparenti contraddizioni: immobilità e movimento, semplicità e complessità, intimità e monumentalità. Abbiamo cercato di realizzare un edificio robusto ma che al tempo stesso desse l'idea di dissolversi nella luce". 

Il rivestimento esterno del tempio è prodotto a partire da milioni di bacchette di vetro borosilicato fuse in apposite fornaci. Per ogni vela sono stati assemblati più di mille pezzi di vetro, mentre per l'interno è stato scelto un pregiato marmo traslucido, l'Estremoz portoghese. Il progetto è innovativo anche dal punto di vista ingegneristico, e non poteva essere altrimenti in un luogo esposto a terremoti catastrofici. L'ossatura del tempio, infatti, è stata studiata per assorbire i movimenti del terreno grazie a una rete d’isolatori sismici elastomerici in acciaio e cemento.  

Circondato da specchi d’acqua e da un paesaggio di piante e alberi autoctoni curato dall'architetto cileno Juan Grimm, il tempio è raggiungibile da scalinate di pietra e percorsi che si arrampicano per i fianchi delle colline, pensati per permettere ai visitatori di dedicarsi a lunghe passeggiate meditative. La religione Bahá'í, fondata da Baha'u'llah in Iran nella seconda metà dell'800, dà molta importanza al volontariato. Perciò fedeli di tutto il mondo hanno contribuito a finanziare e costruire questo tempio come luogo di preghiera e incontro, punto di riferimento per tutta l'America Meridionale. Una gemma di architettura contemporanea da ammirare e dalla quale ammirare la maestosità delle Ande.

www.hariripontarini.com

SCOPRI ANCHE:
La chiesa di Coop Himmelb(l)au in Austria
Una mostra a Parigi per promuovere la convivenza religiosa


di Alessandra D'Angelo / 1 Marzo 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web