ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un tempio buddista dove i monaci...volano!

Un anfiteatro dall'architettura contemporanea sul monte Song ospita performance di volo, tra tecnologia e spiritualità

tempio-buddista-monaci-volanti-monte-song-cina
Ansis Starks

Mai sentito parlare di un tempio buddista in cui i monaci volano? Per secoli i monaci buddisti hanno esplorato il mistero della levitazione, approdo mistico in cui si compie la perfetta fusione tra corpo e spirito.
A custodire questa tradizione è il monte Song, in Cina, il “Centro del Cielo e della Terra”, luogo simbolo del Taoismo. È qui che sono nati il Kung-fu e lo Zen. Ed è qui che sorge il Tempio dei Monaci volanti (Shaolin Flying Monks Temple), avveniristica opera architettonica ideata dallo studio lettone Mailitis.

Il Tempio nasce per ospitare performance artistiche, legate in particolar modo all'esperienza del volo, resa possibile da una galleria del vento verticale, posta al centro di un anfiteatro da 230 posti. Grazie a un potente sistema di turbine, i monaci possono essere lanciati verso il cielo e volare, sospesi nel vuoto: una suggestiva prova di levitazione, sì, ma tecnologica.

Arroccata sulla cima del monte, la struttura progettata da Mailitis trae ispirazione da due forme altamente simboliche - la montagna e l'albero -, rendendo omaggio allo spettacolo della natura circostante e all'eredità storica e spirituale del luogo.

Il metodo di costruzione combina tecnologie antiche e moderne: la struttura in acciaio tagliato al laser sostiene la scalinata di pietra proveniente dalle cave locali e lavorata artigianalmente.

La sala macchine, posizionata sotto il palco dell'anfiteatro, accoglie le strumentazioni e i sistemi più avanzati per garantire simulazioni di volo tanto scenografiche quanto sicure.

E non importa se il volo è soltanto un’illusione artistica: guardando i monaci librarsi sul monte Song, non si può fare a meno di avvertire tutto il fascino e il mistero che comunicano.

Il tempio sotto di loro diviene dunque un ponte ideale tra passato e futuro, natura e scienza, sogno e realtà.

mailitis.lv

SCOPRI ANCHE:
Il tempio Bahai a Santiago del Cile
 La chiesa di Coop Himmelb(l)au in Austria
→ Una mostra a Parigi per promuovere la convivenza religiosa


di Elisa Zagaria / 24 Marzo 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Grattacielo di legno

Sembrava impossibile, ma lo stanno per fare

progetti

[Architettura]

Alba albanese

Tutti i motivi per cominciare a programmare le vacanze in Albania

Travel

[Architettura]

Il sacro geometrico di Siza

L'architetto firma la chiesa di Saint Jacques de la Lande a Rennes

edifici pubblici

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali