ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Avrebbe dovuto essere un centro commerciale, ma è molto di più

The Commons sembra un paesaggio verticale, uno spazio pubblico, una comunità: in realtà è un centro commerciale che celebra gli artigiani locali

the-commons-centro-commerciale-innovativo-tailandia
Ketsiree Wongwan / W Workspace

 Spazio pubblico e centro commerciale in un edificio verticale come risposta alla profonda evoluzione delle condizioni di vita e degli spazi abitativi delle metropoli moderne

Un centro commerciale pensato come uno spazio pubblico verticale che si spinge verso l'alto proprio come una spina dorsale: questo in sintesi il progetto di “The Commons” lo shopping malldi Bangkok, che come ogni grande metropoli del mondo vive una profonda evoluzione delle condizioni di vita e degli spazi abitativi. Non a caso questo progetto può rispondere in maniera efficiente alle problematiche degli spazi aperti in un’area a clima tropicale dove l’alta temperatura e la densità della popolazione rende ardua la creazioni di aree outdoor.

Il progetto dell’edificio inizia con 'la terra', che è un paesaggio di gradini e rampe integrate con le piattaforme, sedute pubbliche e piccoli chioschi. La zona è ben ombreggiata dalla struttura al terzo e quarto piano che la protegge dal sole e dalla pioggia.

'La Terra' si apre verticalmente attraverso grandi vuoti ai piani superiori e la connessione con una vasta area pubblica all'aperto che occupa quasi il trenta per cento dei due piani. Lo spazio verticale e orizzontale scorre dentro e fuori l'intero edificio e permette una ventilazione naturale sostenuta da due serie di ventilatori industriali incorporati nel soffitto sotto il lucernario. La prima aspira l'aria calda verso l'alto e la espelle, l'altra soffia verso il basso per aumentare efficacemente il movimento dell'aria nei giorni più caldi.

Questo spazio areato semi-esterno è stato poi integrato con giardini a tutti i livelli creando una zona living urbana verticale dove poter passeggiare e rilassarsi in qualsiasi stagione. Il progetto fornisce anche una soluzione alla sfida classica della vendita a dettaglio in un edificio a più piani grazie alla graduale serie di piattaforme che attira naturalmente la gente a salire e alle aperture nel terzo e quarto piano che migliorano ulteriormente la continuità dello spazio verticale.

I negozi ai piani superiori sono chiaramente visibili da diverse angolazioni già dal pianterreno e agevola così il flusso di persone. Per evitare la frammentazione ottica data dai diversi negozi interni, il progetto applica una sottile rete di acciaio sulla facciata che mostra così una superficie unificata, consentendo ugualmente la trasparenza visiva dall'interno e la ventilazione, dando particolare “leggerezza” all'edificio visto dall’esterno. 

www.departmentofarchitecture.co.th

SCOPRI ANCHE:
Nendo firma la ristrutturazione di un centro commerciale a Bangkok


di Paola Testoni / 2 Gennaio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Nella natura a Buenos Aires

Una casa nel parco, completamente di legno, per chi ama il silenzio

Case in legno

[Architettura]

Country pink

4 ville con piscina firmate dal più eclettico architetto coreano

case con piscina

[Architettura]

Tra cocooning e natura

In Cile una casa avvolta dalle querce di una foresta privata

Case in legno

[Architettura]

La giungla in hotel

Pareti verdi e piante tropicali per un albergo in Vietnam

hotel

[Architettura]

Prefabbricato taylor-made

Da Studio Mapa un modulo che diventa rifugio, showroom e hotel

casa moderna

[Architettura]

Arte, architettura e paesaggio

La firma di Snøhetta per il Museo d’Arte e il cinema di Lillehammer

musei

[Architettura]

SOS per Gio Ponti

Una petizione per salvare un capolavoro in Iran, a rischio

costume

[Architettura]

Abitanti appassionati di colore

Sono 5000 i cittadini di Guatape: il paese più colorato al mondo

Illustrazioni

[Architettura]

Patrizi contemporanei

A Ibiza una villa che è una fusione di concetti classici

Casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web