ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Iniziano i lavori di The One, il primo grattacielo canadese degno di questo nome sarà a Toronto

Il capoluogo dell’Ontario ospiterà il progetto di Foster + Partners: una torre resideniale di 306 metri di altezza

the-one-toronto-grattacielo-foster-and-partners
© Foster + Partners

The One: il più alto grattacielo residenziale canadese ha iniziato i lavori di costruzione nel centro di Toronto grazie ad un progetto di Foster + partners

La costruzione del più alto edificio abitativo del Canada, The One, è iniziata nel centro di Toronto. La dinamica metropoli canadese si è aggiudicata così il record “di altezza” tra i tanti grattacieli che animano lo skyline nordamericano. Il capoluogo della provincia dell'Ontario e centro più popoloso del Canada, con i suoi quasi sei milioni di abitanti dell’area metropolitana, è considerato non a caso il vero motore economico del paese e, grazie anche alla sua forte multiculturalità, la città canadese più conosciuta nel mondo, insieme a Montréal.

È su questo substrato socioculturale che è nato il progetto di Foster + Partners, lo studio globale che si occupa di architettura, urbanistica e design, fondato da Norman Foster nel 1967 e famoso per la sua sensibilità ai temi legati alla sostenibilità ambientale (leggi anche → Norman Foster dalla mostra di Cartier all'Apple Park, come vive uno degli architetti più famosi del mondo). Nelle sue varie sedi sparse per il mondo, ma che lavorano in sinergia come un unico studio, ha sviluppato una visione etica e culturale che ben si inserisce in questo contesto e che si esprime in questo progetto dedicato ad una città che fa del melting pot, la sua egida culturale.

L'edificio di 85 piani sarà il primo grattacielo a superare i 300 metri di altezza in Canada: un supertall di 306 metri di altezza secondo solo alla torre per telecomunicazioni CN il gigante di 553 metri totali di altezza. Situato al confine tra Yorkville e York, il grattacielo residenziale dialoga con il suo contesto: un’area veramente unica, centro della vita commerciale tra Bloor Street e l’heritage della comunità  locale di Yonge Street. L’ultima tessera di questo puzzle culturale sembra quindi posta, conscia e rispettosa del contesto culturale in cui va a inserirsi tra le strutture storiche in mattoni tipiche dell’area. Il progetto si avvale di alcuni dettagli distintivi di Studio Foster + Partners, con l’uso di ampie vetrate al piano terra e un corpo segnato da una robusta struttura esterna formata da “travi” che da oblique salendo diventano verticali, saranno proprio queste a dare al grattacielo un’identità strutturale e visiva nell’affollato cielo di Toronto.

Riuscire a distinguersi infatti non è cosa da poco conto e questa composizione articolata è in grado di regalare un’identità all'edificio. Per quanto riguarda lo spazio abitativo interno, possiamo vedere un piano terra fondamentalmente progettato come spazio commerciale lasciato visivamente aperto grazie all’inserimento di alte facciate in vetro. Man mano si sale troviamo invece i piani abitativi pensati come unità di 57 metri quadrati, ma dal corpo estremamente variabile, grazie ad un sistema che rende la superficie particolarmente flessibile con sistemazioni molto diverse anche per ciò che riguarda il panorama che per alcune unità abitative comprende la vista sul Lago Ontario. La necessità primaria di creare una community è stata presa in considerazione anche nel progetto di The One e il tetto dell’edificio è stato trasformato in una lobby che offre l’accesso ad una serie di servizi che vanno dal centro benessere, all’area fitness e alla biblioteca.

Ma ci sarà anche una sala per l’intrattenimento informale e una grande terrazza con vista superba che i residenti potranno utilizzare per incontrarsi. Un progetto architettonico quindi capace di suggerire anche nuovi standard per sviluppi commerciali e relazioni residenziali nella città e nel paese.

www.fosterandpartners.com

LEGGI ANCHE:
 Viaggio in Canada, le mete imperdibili secondo il duo Yabu Pushelberg


di Paola Testoni / 20 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web