ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La torre Arata Isozaki, un progetto da record

Con i suoi 247 metri di altezza è il nuovo grattacielo più alto d’Italia e sarà inaugurato a Milano l’anno prossimo

Quando nella primavera 2015 ci sarà l’inaugurazione ufficiale, Milano avrà il grattacielo più alto d’Italia. La torre Isozaki, una delle nuove costruzioni del progetto di riqualificazione CityLife di Milano. Progettato dal celebre architetto giapponese Arata Isozaki con Andrea Maffei Architects, l’edificio sfiorerà un’altezza di 207 metri, ai quali poi si aggiungeranno i 40m dell’antenna Rai che sarà posta sul tetto. Al suo interno, 50 piani distribuiti su una superficie di circa 50 mila metriquadrati, in grado di ospitare fino a 3800 persone.

“Milano è una città unica nel suo genere”, ci ha raccontato Isozaki. “Rappresenta il perfetto connubio tra tradizione e innovazione all’interno del tessuto urbano. Per questo con il mio progetto ho voluto lasciare una traccia importante, mantenendo il Dna stilistico della città, ma apportandovi anche une ventata di novità. Il concept era quello di non destabilizzare l’armonia architettonica della città, un’intromissione leggera, quasi senza fine”.

Come ci ha spiegato Andrea Maffei, per enfatizzare questa idea di leggerezza e di aspirazione alla massima verticalità e continuità, la facciata in vetro è stata realizzata con sistemi modulari e arrotondati, replicati per tutta l’altezza. Inoltre, come omaggio al design italiano, ai piedi della torre sono stati posti quattro puntoni color oro alti 40/60 metri, composti da elementi in acciaio forgiato, che trasformano l’elemento strutturale in una componente estetica e di forte impatto. Con 14 ascensori, di cui 6 panoramici completamente trasparenti, che andranno ad una velocità di 7 metri al secondo, si potrà raggiungere l’ultimo piano in 40 secondi esatti, godendo di una visione molto suggestiva della città.

I lavori sono stati affidati al gruppo Colombo Costruzioni S.p.A. di Lecco, e il progetto ha già ottenuto la precertificazione Leed con rating Gold, soddisfacendo i prerequisiti di sostenibilità ambientale previsti dagli standard internazionali Leed™. L’ottenimento di questa certificazione conferma l’impegno di CityLife nel realizzare un intero quartiere rispettoso dell’ambiente e a emissioni zero. La torre infatti sarà alimentata prevalentemente da fonti di energia rinnovabile, tra cui teleriscaldamento e pannelli fotovoltaici.

Info:
www.city-life.it
www.isozaki.co.jp
www.amarchitects.it


di Maria Chiara Antonini / 4 Novembre 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web