ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Inaugurato il Bosco Verticale a Milano

Alla scoperta delle torri residenziali verdi di Porta Nuova, vincitore dell’International Highrise Award 2014

Finalmente ci siamo. Il Bosco Verticale, che da anni incuriosisce i milanesi e fa parlare di sé la stampa internazionale, si è presentato ufficialmente alla città e ha aperto le porte ai suoi primi residenti. Si è così conclusa questa ennesima importante fase del progetto Porta Nuova Isola, cominciato con l’inaugurazione di Piazza Gae Aulenti alla fine del 2012 e che ha in programma come prossimo appuntamento l’apertura al pubblico del Giardino de Castilla sabato 25 ottobre, alle ore 12.30.

Fiore all’occhiello di questo grande e strutturato intervento è proprio il complesso delle due torri residenziali “biologiche”, così definite dall’architetto Stefano Boeri, alte 112 e 80 metri e capaci di ospitare 21.000 piante appartenenti a più di 100 specie diverse, su un terreno di soli 1.500 metri quadri a circa 1 km di distanza dal Duomo di Milano. Una questione di biodiversità, più che di sostenibilità, a detta dello Studio Boeri che ne ha firmato il progetto. Si stima che, oltre ai 480 abitanti previsti, il Bosco Verticale ospiterà 1.600 uccelli e farfalle, 5.000 arbusti, 780 alberi (2 per ogni residente) e 11.000 piante perenni e tappezzanti che, una volta cresciute, renderanno la superficie verde dei palazzi particolarmente intricata, compatta e efficace dal punto di vista della sviluppo di un microclima adatto a filtrare polveri sottili.

Ovviamente tutto questo avrà dei costi: basti pensare che ogni anno sono previsti 8 interventi di manutenzione dall’interno degli appartamenti e 2 dall’esterno per mantenere la vegetazione nella condizione ottimale. I grandi parapetti adibiti a vasche per la coltivazione sono da considerarsi di proprietà condominiale, con tanto di sistema di irrigazione controllato. Insomma, scordatevi di inserire una pianta di basilico in mezzo agli arbusti profumati sul balcone, tutti con cartellino regolamentare a illustrarne caratteristiche e provenienza. Eppure, questo e altro per avere l’equivalente di 20.000 metri quadri di bosco e sottobosco nel centro della città.

L’esperimento è talmente interessante da essere monitorato da una serie di telecamere della BBC, che dal mese di aprile e per altri 2 anni riprenderanno dalla vicina Torre UniCredit la crescita della vegetazione. E già si parla di altri esempi di Bosco Verticale da replicare in giro per il mondo e in condizioni diverse: magari in Cina, con un modello edilizio destinato a ceti sociali più bassi, raccogliendo una sfida davvero entusiasmante.

La consacrazione definitiva di questa grande opera italiana è avvenuta lo scorso 19 novembre, quando la giuria del Museo di Architettura di Francoforte ha assegneto l’International Highrise Award 2014 per il grattacielo più bello e innovativo del mondo. Vincitore: il Bosco Verticale dello Studio Boeri, inserito nella short list dei 5 finalisti, insieme all’olandese De Rotterdam disegnato da Rem Koolhaas e dal suo studio OMA, all’edificio One Central Park di Sydney e al Renaissance Barcelona Fiera Hotel progettati da Jean Nouvel, e al complesso cinese Sliced Porosity Block di Chengdu disegnato da Steven Holl.

Info: www.residenzeportanuova.com
www.stefanoboeriarchitetti.net


di Annalisa Rosso / 20 Ottobre 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una moderna Ca’ Valentino

Il secondo flagship store londinese del brand è firmato Chipperfield

negozi di design

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web