ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come trasformare un vecchio palazzo del governo in uno spazio a servizio dei cittadini

Lo studio KAAN Architecten riprogetta un ex edificio ministeriale trasformandolo in una nuova realtà polifunzionale

trasformare-ex-palazzo-del-governo-in-spazio-polifunzionale

Una delle nuove sale all'interno del palazzo B30 riprogettato dallo studio KAAN Architecten

Camminando sulla Bezuidenhoutseweg, nel centro de L’Aja, si può ammirare in tutta la sua maestosità il B30, uno degli ultimi lavori appena completati dallo studio olandese KAAN Architecten. Si tratta di un edificio molto grande, costruito nel 1917 come sede di un ministero su progetto dell’architetto Daniel E. C. Knuttel, e successivamente rinnovato da Hans Ruijssenaars nel 1994. Classificato come monumento nazionale, prima dei lavori di riprogettazione dello studio KAAN, il palazzo si presentava come una struttura imponente e severa, che ben rispecchiava l’austerità di tutti i progetti architettonici dell’epoca.

 

L’idea di partenza di tutta l’opera di riqualificazione e riprogettazione, firmata da Kees Kaan, Vincent Panhuysen e Dikkie Scipio, è stata quella di trasformare tutto il grande complesso in un nuovo spazio più in linea con le esigenze di uno stile di vita contemporaneo. Più aperto quindi e accogliente, con più luce naturale possibile al suo interno, e con una distribuzione dei volumi architettonici più fluida e dinamica.

 

Nel nuovo piano terra, accessibile a tutti, oggi si trovano un ristorante, una caffetteria, una biblioteca e alcune sale adibite per conferenze. I passaggi di collegamento tra questi nuovi spazi sono stati riprogettati così da essere meglio illuminati e in connessione tra loro, creando direttrici visive ad ampio spettro. Inoltre risultano più aperti verso l’ambiente circostante, caratterizzato da un grande parco pubblico, grazie a grandi porte a vetro girevoli in alluminio anodizzato.

 

Al centro dell’edificio, l’ampio Atrio è stato trasformato in una sorta di giardino concettuale. Grazie al talento dell’artista olandese Rob Birza, il grande pavimento è stato decorato con un mosaico che ricorda i colori di un prato pieno di fiori, in una sorta di rimando con gli spazi verdi che circondano il palazzo. Rispetto poi al progetto originario del 1917, è stato creato il nuovo Seminar Foyer, con sale riunioni e un auditorium nel piano interrato che si sviluppa lungo un’ampia vetrata. Dalla scala monumentale si sale poi alla maestosa Sala Ministeriale al primo piano, mentre dall’Atrio si possono vedere i piani superiori, che ospitano gli uffici di diverse istituzioni.

 

Infine anche la facciata è stata riprogettata, aumentando la dimensione delle vetrate. Ora le aperture raggiungono lo zoccolo di pietra dell’edificio, e la luce naturale entra copiosa all’interno di tutto il palazzo, rendendolo meno austero e molto più accogliente.

 

www.kaanarchitecten.com


di Maria Chiara Antonini / 15 Maggio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Classico incontra moderno

Una casa vittoriana con un nuovo piano terra pieno di finestre

restyling

[Architettura]

La casa mediterranea 2.0

Lydia Xynogala disegna una casa sul mare che aggiorna la tradizione

casa vacanze

[Architettura]

Il rifugio si tinge di rosa

Compatta fuori, liquida e fragile dentro, la casa firmata Makhno

casa vacanze

[Architettura]

Una villa mediterranea

Pareti vetrate e terrazze profonde nella nuova casa di Ramón Esteve

casa moderna

[Architettura]

Doppia vita in Messico

Un deposito abbandonato diventa un vivace edificio multifunzionale

restyling

[Architettura]

Scatole cinesi nella foresta

Vetro e legno: così Gui Mattos reinventa la casa nella giungla

ville e casali

[Architettura]

Masseria da sogno

Un restyling in Catalogna sposa antico e moderno

restyling

[Architettura]

Il Cohousing a Milano

Da sogno utopico del nord Europa a effettiva possibilità di abitare

progetti

[Architettura]

Coi monti attorno e.. sul tetto

In India, un rifugio nella natura, dai lucernari che imitano le montagne

casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web