ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come trasformare un garage in un'abitazione indipendente

Andy Martin progetta una casa di 4 piani dal sapore minimalista in un ex rifugio per auto

trasformare-garage-in-abitazione-indipendente-londra
© andy martin architecture 2016

Trasformare il garage in un'abitazione indipendente può sembrare una scelta un po' estrema ma è proprio quello che ha scelto di fare a Londra l'architetto Andy Martin che con il progetto Mews 02 ha creato una casa contemporanea di sapore minimalista di 4 piani dove prima c’era un garage.

LEGGI ANCHE → Una casa garage per gli amanti dei motori

Abbattute le pareti interne, ampliati i volumi, il problema della luminosità è stato risolto con grande creatività. La luce è diventata un elemento col quale l’architetto ha giocato volentieri, accentuando le zone di luce e ombra, con il bianco e nero degli arredi e delle architetture interne.

LEGGI ANCHE → Vivere in camper, l'esperienza di Zach Both

Grazie a degli screen in vetro e legno e alla vegetazione esterna del cortile posteriore anche il seminterrato è stato coinvolto in questa ristrutturazione. Il patio posteriore alla casa è diventato parte integrante dell’abitazione stessa e punto di forza di illuminazione della zona giorno.

Gli interni sono scanditi puntando sull’area entertaining e su quella più intima della zona notte divise nei 4 piani previsti per questo appartamento nella zona nord ovest di Londra.

In entrambe le aree però si è optato per dei volumi aperti che non solo avrebbero facilitato il passaggio della luce ma che avrebbero creato degli spazi importanti per aumentare la percezione di ampiezza.

Spariti naturalmente tutti i dettagli dell’uso precedente, resta però nella casa un sapore industrial grazie agli elementi in acciaio brunito, alla grande porta a vetri basculante, alla tavola del breakfast in cemento, alla cappa aspirante e al bancone della cucina in acciaio.

Ma il punto di forza di questa visione è la parete-divisoria in metallo che gioca con gli elementi della fabbrica. Alle pareti, a volte stuccate a volte ricoperte da piastrelle rettangolari, niente quadri. Un solo elemento decorativo gioca con la luce proveniente dalla grande porta a vetri posteriore: l’immagine stampata su dischi di metallo scompare se colpita dalla luce radente. In alternanza a questi spazi, corridoi e scale di passaggio bianchissimi sfruttano la luce provenineti da lucernai.

www.andymartinarchitecture.com


di Paola Testoni / 18 Novembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una mela al giorno...

A Cupertino Apple apre il Visitor Center progettato da Norman Foster

edifici pubblici

[Architettura]

Nuovo grattacielo a Milano

Lo skyline della città cambia ancora con Gioia 22, pronto tra 3 anni

progetti

[Architettura]

Il volto urbano nella storia

La mostra di Carlos Garaicoa alla Fondazione Merz di Torino

mostre

[Architettura]

L'architettura della giustizia

Il tribunale di Parigi firmato Piano è aperto e trasparente, come la legge

edifici pubblici

[Architettura]

Il salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

[Architettura]

Design e nobiltà

Locanda La Raia: la ricostruzione di un luogo tra Gavi e Novi Ligure

restyling

[Architettura]

Into the wild

Il rifugio mobile per avventurieri testato nella natura islandese

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web