ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La cattedrale nel deserto di Zaha Hadid in Arabia Saudita

KAPSARC è il primo edificio dello studio londinese ad aggiudicarsi la certificazione LEED Platinum

Per la prima volta un edificio di Zaha Hadid Architects si aggiudica “l’oscar dell’architettura sostenibile”: la certificazione LEED Platinum del Green Building Council. L’edificio più “smart” dell’Arabia Saudita è il KAPSARC (King Abdullah Petroleum Studies and Research Centre).

Si tratta della gigantesca sede di un’organizzazione senza scopo di lucro che opera nel campo energetico. Con un network composto da centri di ricerca internazionali, istituzioni governative, industrie, esperti e leader di tutto il mondo, KAPSARC promuove la ricerca indipendente per favorire un uso più efficiente ed efficace dell'energia. L’obiettivo? Creare benessere sociale in tutto il mondo. Per fare questo la sua attività si focalizza sullo sviluppo di politiche e piani economici al fine di ridurre l'impatto ambientale e i costi complessivi dell'approvvigionamento energetico.

 

 

Partendo dal pedigree del committente, l’edificio disegnato da Zaha Hadid è il manifesto della mission dell’organizzazione. Il KAPSARC è stato progettato per performare al meglio dal punto di vista energetico in relazione alle condizioni ambientali dell'altopiano di Riyad .

Il campus si compone di 5 edifici tra cui un auditorium da 300 posti, una biblioteca con più di 100 mila volumi, e uno spettacolare spazio dedicato alla preghiera: la Musalla. Un modulo esagonale a nido d’ape è l’elemento generativo sia del sistema compositivo che strutturale. Questo ha permesso di ridurre al minimo l’utilizzo di materiale per creare il reticolo di celle che costituisce i volumi, oltre ad aver determinato la forma stessa dell’edificio. Il KAPSARC di Zaha Hadid pare una fusione di forme cristalline che emerge nel paesaggio desertico.

 

 

il campus KAPSARC si apre verso nord e verso ovest, favorendo così la cattura dei venti freddi prevalenti per raffreddare i cortili durante i mesi caldi. Inoltre le celle esagonali situate strategicamente all'interno di ogni edificio sono lasciate aperte per creare una serie di cortili protetti che portano la luce naturale all’interno degli spazi.

 

 

Queste le principali caratteristiche che hanno permesso all’edificio di Zaha Hadid di aggiudicarsi la prestigiosa certificazione Leed Platinum:

Riduzione del 45% del consumo energetico (rispetto agli standard di riferimento di ASHRAE) ottenuta grazie alla distrubuzione della massa, all'orientamento, all'ottimizzazione della facciata, alla selezione degli impianti e del sistema di pannelli solari.

Riciclo completo dell'acqua potabile con riutilizzata in loco. (Invece il 100% dell'acqua di irrigazione è proviene da fonti non potabili).

Il 40% dei materiali da costruzione di KAPSARC sono stati prodotti a meno di 500 miglia dall’edificio e il 30% di questi sono realizzati con materiale di riciclo.

Il 98% di tutto il legno utilizzato presenta la certificazione del Forest Stewardship Council.

www.zaha-hadid.com

LEGGI ANCHE:

Zaha Hadid, la dama dalle linee fluide

520 West 28th Street di Zaha Hadid Architects


di Pietro Terzini / 26 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

2 cuori e 1 capanna

8 idee per un fine settimana lontani dal mondo

Travel

[Architettura]

Da Olafur Eliasson

A Reykjavik la succursale del studio berlinese. Aperta al pubblico

Travel

[Architettura]

Parigi gioiello cubista

Mostre, fiere e una veste inedita: 10 ragioni per visitarla nel 2018

Travel

[Architettura]

Il futuro nel legno

A Londra una mostra racconta il bello dell'architettura in legno

mostre

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

[Architettura]

Napoli col cuore

L'ultimo libro di Davide Vargas è una guida sentimentale di Napoli

Travel

[Architettura]

Verticale e popolare

Il nuovo progetto di social housing di Stefano Boeri a Eindhoven

progetti

[Architettura]

Fez per esploratori

Alla scoperta di uno dei centri più attraenti del mondo islamico

Travel

[Architettura]

Architettura del reale

I documentari che ogni architetto dovrebbe vedere nel 2018

Costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web