ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La panchina per esterni minimalista e rinfrescante di Jean Couvreur

Banc Frais è un semplice parallelepipedo in cemento bianco con un velo d'acqua al centro

panchina-per-esterni-banc-frais-jean-couvreur

Le panchine da giardino sembrano essere il tema caldo dell’estate 2017: dopo la serie dei fratelli Bouroullec (leggi anche → La panchina perfetta secondo i Bouroullec) e il progetto-installazione curato da Felix Burrichter nel parco Kvarnbacken di Stoccolma, in cui 10 designer internazionali sono stati invitati a disegnare altrettante tipologie di panchine per esterni (leggi anche →  A Stoccolma ci sono le panchine più belle del mondo), ecco la panca di cemento di Jean Couvreur.

Disegnata per il Demain Festival di Lione, evento annuale che si occupa di arredo urbano e di progettazione dello spazio pubblico, Banc Frais è una “panchina rinfrescante”, una superficie in cemento leggermente scavata al centro, dove sembra sia stata erosa dall’acqua che si riflette in superficie.

Tutte le foto: Matthieu Gauchet 

Lo stile di questa panchina in muratura è decisamente minimal: 3 metri per 1,7 di calcestruzzo bianco (e un peso di oltre 3 tonnellate) raffrescati da un velo d’acqua portato da una pompa interna, che evapora naturalmente e sfrutta la porosità del materiale per diminuite la temperatura dell’intera superficie.

L’intenzione è quella di creare un’oasi urbana minimalista ispirandosi agli elementi tradizionali del paesaggio, come le piazze dei villaggi dove si trovava sempre una fontana (portatrice di igiene e di refrigerio, oltre che di acqua potabile), e alle tecniche più semplici usate per migliorare il comfort termico, come l’abitudine provenzale di innaffiare le tegole dei tetti, spesso dimenticati o troppo poco sfruttati, spiega il giovane designer francese, iniziative semplici e poco costose, applicabili su interventi di piccole e medie dimensioni di cui questo progetto dimostra l’efficacia.

www.jeancouvreur.com


di Carla Amarillis / 17 Luglio 2017

CORNER

Speciale Garden & Outdoor collection

[Speciale Garden & Outdoor]

5 fiori per dicembre

Un balcone fiorito e colorato in inverno per aspettare il Natale

Giardini

[Speciale Garden & Outdoor]

Eleganza da giardino

Cinque armadi da esterno per una funzionalità senza compromessi

Oggetti di design

[Speciale Garden & Outdoor]

pareti di fiori

Le nostre 5 piante rampicanti preferite, perfette per il balcone o il giardino

Arredi outdoor

[Speciale Garden & Outdoor]

Bellezza da calpestare

Una collezione di spunti per i pavimenti da esterni

top ten

[Speciale Garden & Outdoor]

I segreti della pianta dell'amore

Tutti i consigli per curare il vostro Anthurium

Arredi outdoor

[Speciale Garden & Outdoor]

I protagonisti dei balconi

Consigli e trucchi per coltivare i gerani parigini

arredi outdoor

[Speciale Garden & Outdoor]

Grasso è bello!

I Botanical Boys ci svelano le succulente più cool del momento

arredi outdoor

[Speciale Garden & Outdoor]

Lifestyle australiano

Adam Goodrum firma per Tait la nuova collezione Trace

arredi outdoor

[Speciale Garden & Outdoor]

Una sdraio per David Hockney

Al Centre Pompidou i lettini Smarin che si "adattano al corpo"

arredi outdoor

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali