ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

10 barche di lusso, e non, viste in anteprima allo Yachting Festival di Cannes

Tra natanti e superyacht, Cannes celebra 40 anni della propria kermesse nautica con tante novità

barche-novità-2018-cannes-yachting-festival-2017

Oscar 3, Mylius 65' è tra le protagoniste del 40° Yachting Festival di Cannes

40 anni festeggiati con grinta, entusiasmo e tante novità in anteprima mondiale, così Cannes celebra questa importante ricorrenza del proprio Yachting Festival fino al 17 settembre. Dalle banchine affollate da appassionati e curiosi nell'incantevole baia di questa città, si possono osservare per la prima volta nella realtà le barche dai 2,80 metri ai 50 di cui erano trapelate anticipazioni e indiscrezioni prima dell'estate. Con la fortuna - ma anche la responsabilità - di essere il primo salone nautico della stagione (a seguire: Genova e Monaco) Cannes apre le danze con un ventaglio di barche ampio e variegato.

Partiamo da quella che era la barca che ha destato più curiosità, ovvero SX88 dei Cantieri Sanlorenzo, un motor yacht crossover di 27 metri (foto sopra). L'attesa nella lunga fila di persone vale veramente la pena per poter toccare con mano questa barca dalle idee originali e inedite. La chiave di volta del progetto degli interni è la definizione di un'unica timoneria posizionata sul flying bridge che ha liberato il ponte principale da un vincolo così importante. Gli interni sono stati concepiti da Piero Lissoni come un ambiente unico e continuo da poppa a prua con la cucina a vista, adiacente alla sala da pranzo, seguita dall’area living, senza soluzione di continuità tra interno ed esterno, grazie alle ampie vetrate che si affacciano sul mare. La filosofia progettuale è quella di far vedere lo spazio, di non celare le linee della barca ma, al contrario, di metterle in mostra.
Sottocoperta, le cabine eleganti e colorate danno la percezione di un ambiente esclusivo e gioioso.
Gli esterni sono stati progettati da Officina Italiana Design; Mauro Micheli ha plasmato le forme di questa barca reinterpretando la tradizione Sanlorenzo e portando il suo personale tocco di eleganza e dinamicità.

Porta sempre la firma di Officina Italiana Design (studio fondato da Mauro Micheli e Sergio Beretta) il nuovo Riva 56' Rivale (foto sopra), un open per lunghe crociere ma anche un day cruiser per brevi navigazioni, unico nel suo genere e contraddistinto da quella classe, eleganza e sportività che solo pochi cantieri sanno sintetizzare in modo magistrale.

Ben tre barche in anteprima del gruppo Azimut-Benetti sono nate dalla collaborazione, negli interni, con l'architetto Achille Salvagni: dalla "piccina" Azimut 60 alle "grandi", ovvero Azimut Grande 27 metri e Azimut Grande 35 metri. Tutte molto eleganti, ma in quest'ultima (foto sopra) gli interni sono ancora più raffinati e dalle linee più sensuali con un tocco di blu in perfetta sintonia con l'ambiente marino.

Esordio anche per il Ridoc MV19 (foto sopra) dei cantieri Baglietto,imbarcazione di 19,50 m tutta in alluminio, che rappresenta la naturale evoluzione dell’MV13, il cui primo esemplare era stato il Lap1 di proprietà di Lapo Elkann. La linea MV di Baglietto ripercorre, in chiave moderna, una pagina importante della storia nautica del brand in campo militare riproponendone alcuni stilemi abbinati ad elementi mutuati dal mondo degli open.

Molto atteso era anche l'Arrow460-Granturismo (foto sopra),il primo yacht di Silver Arrows Marine creato in collaborazione con Mercedes-Benz Style che interpreta in modo completamente nuovo il concetto di barca a motore di lusso introducendo un linguaggio estetico, idee e materiali ispirati all’automobile. Gli interni non prevedono la tradizionale configurazione a comparti ma una zona continua vasta e multifunzionale, un vero e proprio loft.

Tra i protagonisti dello Yachting Festival c'è sicuramente Arcadia Yachts, cantiere che è riuscito a integrare nel proprio design degli esterni i pannelli solari diventando un loro simbolo ormai distintivo.  La novità presentata a Cannes è l'A85S (foto sopra): tra i punti di forza ci sono sicuramente il limitato consumo di carburante e un upper-deck molto flessibile e utilizzabile in qualsiasi condizione meteorologica.

I cinematismi sono il punto di forza di Evo Yachts: basta sfiorare un comando digitale ed ecco che le sponde laterali di murata si aprono idraulicamente in meno di trenta secondi, incrementando lo spazio e trasformando il pozzetto in una terrazza pieds dans l’eau configurabile a piacimento. Il nuovo modello Walk Around (foto sopra) è un 13 metri dalle linee essenziali e pulite dove la novità più caratterizzante è rappresentata dalla possibilità di camminare agevolmente tra la beach area di poppa  e la prua della barca.

Tra tradizione e innovazione è lo stile inconfondibile delle imbarcazioni Apreamare, il cui cantiere, prima di molti altri, ha introdotto una moderna declinazione diportistica dello storico gozzo. “Gozzo” (foto sopra) è la novità di Cannes: grande tenuta di mare, doti sportive, massimo comfort, linee purissime e moderne ma che affondano le radici nei gozzi sorrentini per una piccola barca davvero molto chic!

Per la vela si distingue il cruiser Oscar 3 (foto sopra), Mylius 65' nato dalla collaborazione tra Alberto Simeone di Mylius Yachts (che ha progettato gli elementi strutturali) e lo studio Parisotto+Formenton. Il progetto parla il linguaggio della flessibilità e della trasformabilità: per atmosfera, comfort e dettagli curatissimi è una barca da crociera ma che si può trasformare in un fast cruiser racer ad alte prestazioni.

ll Grand Soleil 34, icona degli anni Settanta, è stato reinterpretato in chiave moderna ed è la nuova piccola del Cantiere del Pardo (foto sopra): tra le barche più attese della stagione, ha fatto discutere tantissimo gli appassionati ancora prima di andare in acqua ed essere veramente provata. Firmata da Skyron Lab, all’interno la barca si presenta con un arredo essenziale e soluzioni intelligenti come quelle della cabina di prua che offre la possibilità di allungare il letto guadagnando due posti a sedere a tavola, oppure di trasformare completamente lo spazio in pochi secondi, in calavele con altezza d'uomo in situazione di regata.
Insomma, una barca da curiosare e scoprire!

www.cannesyachtingfestival.com


di Mariateresa Campolongo / 15 Settembre 2017

CORNER

Speciale Barche collection

[Speciale Barche]

Una Miami da diporto

Il primo salone nautico in acqua del 2018

Barche

[Speciale Barche]

Zebra Boat

Il motoscafo elettrico secondo il designer Dimitri Bez

Barche

[Speciale Barche]

Dalle auto alle barche

Nautica: dai "canotti automobile" alle ultime sperimentazioni

Barche

[Speciale Barche]

Yacht da film

5 barche da sogno viste sul grande schermo

Barche

[Speciale Barche]

Andrea Doria

La più bella città galleggiante costruita nel Dopoguerra

Barche

[Speciale Barche]

Una barca avveniristica

Glider Yachts: tutto fuorché yacht tradizionali

Barche

[Speciale Barche]

Lo sloop in carbonio più grande

Il Baltic 175 Pink Gin è una vela elegante e colorata

Barche

[Speciale Barche]

Storia di barche e di interni

I progetti che hanno rivoluzionato la storia dell'interior yacht design

Barche

[Speciale Barche]

Le barche più grandi dell'anno

I mega yacht più imponenti delle kermesse nautiche 2017

Barche

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali