ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I vincitori della XIV Biennale di Architettura

I premi di Fundamentals. Dai padiglioni nazionali fino a Monditalia: i Leoni d'oro e d'argento e le menzioni speciali

Sono Corea e Cile i padiglioni nazionali premiati rispettivamente con il Leone d’oro e d’argento alla XIV Biennale di Architettura di Venezia. La giuria, presieduta da Francesco Bandarin Vice Direttore Unesco per la Cultura, e composta dall’architetto nigeriano Kunlé Adeyemi, la documentarista olandese Bregtje van der Haak, il critico e curatore cinese Hou Hanru, direttore artistico del MAXXI e Mitra Khoubrou, direttrice dell’Urban Pink Tank di Dubai, ha scelto progetti e ricerche coraggiosi, capaci di affrontare questioni sociali di forte attualità.

Il Padiglione Coreano co-curato dagli storici e critici dell’architettura Hyunmin Pai e Changmo Ahn, descrive attraverso la mostra Crow’s Eye View: The Corean Peninsula, la storia parallela delle due Coree, divise dopo la seconda guerra mondiale. Una risposta alla modernità che non potrebbe avere esiti più diversificati: da un lato la visione socialista dell’architettura e dell’urbanità, dall’altro quella liberale e capitalistica.

I condizionamenti del socialismo reale sono alla base anche della mostra Monolith Controversies, curata per il Cile da Pedro Alonso e Hugo Palmarola. La modernità dell’America Latina viene descritta attraverso la storia di un pannello di cemento prefabbricato utilizzato per realizzare piú di centosettanta milioni di appartamenti durante la seconda metá del ventesimo secolo.

Menzioni speciali sono andate al Canada per Arctic Adaptations: Nunavut at 15: uno studio su come la modernità riesca ad adattarsi in condizioni climatiche uniche e alle esigenze di una minoranza culturale, alla Francia per Modernity: promise or menace? per aver saputo discutere le conseguenze dei successi e dei traumi legati a una visione utopica della modernità e alla Russia per Fair Enough: Russia’s past our Present, per aver messo in evidenza il linguaggio contemporaneo con cui si esprime la commercializzazione dell’architettura.

L’architettura come lente attraverso la quale osservare criticamente la realtà sociale e politica del nostro paese è anche alla base delle motivazioni che hanno guidato i premi assegnati alla sezione Monditalia, allestita alle Corderie dell’Arsenale.

Il Leone d’argento per il miglior progetto di ricerca è stato consegnato a Sales Oddity. Milano 2 and the Politics of Direct-to-home TV Urbanism, curato dallo spagnolo Andrés Jaque. Il racconto delle fortune del quartiere di Milano 2 mette in luce come il potere dei media possa occupare altri spazi sociali, sia fisicamente che politicamente.

Menzioni speciali sono andate a Radical Pedagogies: ACTION-REACTION-INTERACTION: un progetto globale, coordinato da Beatriz Colomina, che mostra come la conoscenza sia prodotta e sviluppata tramite reti di scambio che superano i confini e le identità nazionali, Intermundia di Ana Dana Beroš, dedicato alla tragedia di Lampedusa, che evoca la realtà degli emigranti che attraversano i confini del mediterraneo da Sud a Nord, definita come situazione emblematica delle società europee di oggi e Italian Limes, del collettivo Folder: un progetto di ricerca che si occupa della questione dei confini all’interno del contesto europeo.

Guarda il video della premiazione


di Massimiliano Giberti / 9 Giugno 2014

CORNER

Biennale Venezia collection

[Biennale Venezia]

Un serpente di vetro a Venezia

L'imponente installazione di Pae White per Le Stanze del Vetro

installazioni

[Biennale Venezia]

Venezia e la libertà

Si chiamerà Freespace la Biennale Architettura curata da Grafton Architects

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

From Venice with Love

Cristina Celestino ci accompagna in un weekend a Venezia

itinerari

[Biennale Venezia]

Guide d'altri tempi

Un giorno a Venezia con tre ciceroni dell'Ottocento

itinerari

[Biennale Venezia]

Venezia si fa in 4

4 mostre per scoprire i più bei palazzi della città durante l'estate

Biennale di Venezia 2017

[Biennale Venezia]

Italia Magica

Cosa c'è nel Padiglione Italiano alla Biennale di Venezia

Biennale di Venezia 2017

[Biennale Venezia]

Tutta l'arte del mondo

I 10 padiglioni nazionali da non perdere alla Biennale Arte 2017

biennale di venezia 2017

[Biennale Venezia]

I Giardini della Biennale

Biennale Arte 2017: cosa vedere nel Padiglione Centrale

biennale di venezia 2017

[Biennale Venezia]

Il meglio dell'Arsenale

Gli artisti da non perdere in mostra alla 57 Biennale Arte

biennale di venezia 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web