ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La sala giochi nel bosco

Il progetto di Ström Architects per l’area ludica di una villa inglese nella foresta, un ampliamento eco-sostenibile e polifunzionale

00-ampliamento-casa-watson-house-strom-architects
Richard Chivers

Ecco l'annesso alla Watson House nella New Forest inglese:un progetto di Studio Ström per regalare alla casa un spazio extra nel rispetto del sensibile eco-sistema dell'area

Sette anni fa viene completata la villa, oggi con l'ampliamento casa si aggiunge sala giochi e bar: ecco descritto in sintesi il progetto dello studio britannico Ström Architects che ha disegnato questo annesso nel terreno di una residenza nella regione della New Forest in Inghilterra. Può capitare a tutti di progettare una casa per poi accorgersi che le esigenze familiari sono cambiate e che qualche metro quadrato in più può fare comodo per ospitare, come in questo caso, una zona ludica destinata magari ad un figlio adolescente oppure da utilizzare per party conviviali con amici e famiglia. Nel caso della Watson House l’annesso è andato a sostituire una struttura a due piani già esistente, che è stata demolita, nella vasta tenuta della residenza principale che proprio come l'ampliamento, presentava un rivestimento in castagno e mattoni scuri. Da un lato si è voluto mantenere una continuità visiva tra i due edifici e per questo si sono scelti materiali simili, dall’altro lato si è invece voluto caratterizzare l’ampliamento della casa aggiungendo il dettaglio del tetto scorrevole e delle piccole finestre.

 

 

Un aspetto fondamentale del progetto è stato quello della multifunzionalità dell’edificio che poteva offrire sistemazioni diverse quando fosse stato necessario: lo scopo sin dall’inizio è stato quello di regalare l’accoglienza di un rustico boutique-hotel, intimo, rilassante e aperto agli ospiti del fine settimana che potesse però trasformarsi anche nel luogo ideale per organizzare feste o per ballare. Forse per questa ragione il progetto si distacca molto da quelli a cui lo Studio ci ha abituato: niente grandi spazi aperti e abbondante luce naturale, ma piuttosto piccole finestre con veduta mirata sulla foresta e zone meno illuminate ma più intime e cocooning con ampio utilizzo di materiali tattili.

 

 

Per la divisione degli interni dell'ampliamento casa Studio Ström ha pensato di dividere lo spazio in due: da una parte una zona giorno a doppia altezza dotata di bar e di area giochi mentre dall’altro lato, separato da una parete divisoria grigio antracite, due camere da letto, ideali per gli ospiti del fine settimana, sopra le quali si è sistemato uno spazio soppalcato utilizzato come magazzino e ripostiglio raggiungibile con una scala in acciaio nero. Gli spazi per la socializzazione prevedono anche aree all’aperto come per esempio quella della terrazza sulla quale è stata posta una vasca idromassaggio semi-interrata dove potersi rilassarsi e contemporaneamente godersi il panorama circostante.

 

 

Poi c'è anche un angolo con forno da pizza in mattoni e una nicchia con panchina dove riunirsi intorno al fuoco. Premurosa attenzione è stata poi posta all’habitat naturale della New Forest e dopo un’attenta analisi sulla fauna selvatica locale si sono garantite tutte le misure necessarie per proteggerla. A partire dai tempi dei lavori di costruzioni pianificati, insieme ad esperti ecologisti, lontani dai periodi di nidificazione di uccelli e pipistrelli, fino all’ubicazione dell’annesso dove già c’era un edificio esistente per non andare ad interferire assolutamente con l’ecosistema preesistente.

www.stromarchitects.com

LEGGI ANCHE:

La perla degli Hamptons d'autunno

La casa a forma di casa

L'architettura postmoderna vista dal 2017


di Paola Testoni / 6 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Postmoderno a Londra

Cosa succede se togli i mattoni e metti il pink millenial

Restyling

[Case]

Minimal a Palazzo Pamphilj

In un palazzo storico di Roma un appartamento dai toni soft

Restyling

[Case]

AAA cercasi appartamento

A Versailles 28 mq diventano una reggia rosa pastello

Mini case

[Case]

Una casa scolpita

Felipe Rodrigues firma in Brasile una casa scultorea e irregolare

Casa moderna

[Case]

Sofisticatezza contemporanea

Il restyling di una casa vittoriana a Melbourne firmato The Stylesmiths

Casa moderna

[Case]

La casa che respira

Un'architettura tropicale per abitare a piedi nudi

Casa moderna

[Case]

Plastica e scultorea

A Sydney una casa in cemento, sorretta da un unico pilastro

casa moderna

[Case]

Volevi la luce?

A Taiwan l’appartamento più luminoso del mondo

Restyling

[Case]

Minimalismo cubista

Areia, complesso residenziale sospeso tra il mare e il deserto

Casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web