ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

"Less is more” o “Less is a bore”? Un'icona postmoderna in vendita

Cosa c'entra Herscher con una villa iconica dell'architettura degli anni '80?

00-architettura-postmoderna-casa-claude-strebelle-belgio
ArchitectenWoning

Non solo Stati Uniti, l’architettura postmoderna arrivò anche in Belgio, la importò Claude Strebelle e adesso la sua casa è in vendita. "Less is more” o “Less is a bore” (qualcuno ha detto anche “Yes is More”)? È questo l’eterno dilemma che non fa dormire la notte più di uno studente di architettura. E a 53 anni dalla costruzione della Casa di Vanna Venturi pare non ci sia ancora una risposta definitiva. La forma segue la funzione, oppure se c’è una forma il resto ci si deve adattare? Esistono vere e proprie fazioni, ma vogliamo veramente schierarci?

Proprio la Villa dove abitò il padre dell'architettura postmoderna belga, venuto alle luci della ribalta con il centro di ricerca oceanografica di Calvi, ci mostra come essenzialità e forma possono coesistere.

 

 

Non si può certo dire che questa casa sia estranea ad un’idea di ricerca formale. Però allo stesso tempo questa esplorazione è sviluppata in ogni dettaglio con una coerenza tale che se venisse a mancare (o ci fosse in più) anche un solo elemento l’equilibrio svanirebbe.

Ogni arredo, ogni soffitto e ogni apertura è essenziale e minimalista, ma al contempo coerente ad un’idea estetica totale. Neanche troppo velato è il riferimento a Herscher, in particolare alle scale e agli archi di “Multiple viewpoints and impossible stairs”.

 

 

Insomma si tratta di una villa postmoderna in cui i confini tra arte, architettura e funzione sono estremamente sfocati, ed è proprio questo aspetto che la rende unica. Costruita in cemento armato presenta enormi vetrate che si affacciano sui 14 acri del giardino disegnato dai landscape architect Jacques Wirtz e Serge Delsemme.

La natura, o almeno la sua vista, svolge un ruolo fondamentale anche nella generazione degli spazi interni: porte, aperture e finestre sono state allineate in modo da creare fughe prospettiche verso il giardino da ogni punto della casa.

 

 

Acquistabile per € 800.000 tramite l’agenzia ArchitectenWoning, la casa di Claude Strebelle, fondatore dell’l'Atelier Architecture du Sart-Tilman è un pezzo di storia dell’architettura.

architectenwoning.be

LEGGI ANCHE:

Le case degli architetti famosi sono oggi un museo

Le ville più belle degli Hamptons


di Pietro Terzini / 3 Novembre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Il senso del luogo

Nirvana Home, una villa di 6.000 mq che va oltre la fisicità

casa moderna

[Case]

Villa Albergoni è in vendita

La casa di Chiamami col tuo nome è sul mercato

Costume

[Case]

Villetta non a schiera

Da York, guida all'emancipazione della casa vittoriana

restyling

[Case]

La Scandinavia a Pechino

Il progetto di Claesson Koivisto Rune per Xian Jiang House

casa moderna

[Case]

A casa tutti bene

Dentro la villa del nuovo film di Gabriele Muccino

Costume

[Case]

Vivere mini ad Hong Kong

Lim+Lu progetta un appartamento da single a colori brillanti

mini case

[Case]

Loft scolastico

Una vecchia scuola di Rotterdam trasformata in residenza

restyling

[Case]

Una casa per tutti

Ownerless House di Vão Arquitetura ad Avaré

Casa moderna

[Case]

L'Ufo di Munch

Snohetta, Bjarne Melgaard e un progetto che fa discutere

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali