ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Boho-chic, lo stile giusto per reinventare una casa anni '60 a San Paolo

Pascali Semerdjian dà vita a una casa eclettica e d'atmosfera, in bilico tra gli anni 60 e l'estetica contemporanea, con tocchi artistici e unici

boho-chic-casa-a-san-paolo-pascali-semerdjian
© Ilana Bessler

Boho chic, la chiave per ristrutturare una casa anni 60, valorizzandone le origini, ma senza perdere di vista il presente. Il segreto  sta nel dare un twist contemporaneo e imprevedibile alla nostalgia.

Modernista e in stile bohemien: così si presenta questo appartamento d'atmosfera a San Paolo, in Brasile, rimesso a nuovo dagli architetti locali di Pascali Semerdjian. Situato in un palazzo degli anni 60, l’Apartamento As sembra sospeso tra passato e presente: da un lato l’impronta nostalgica lo connette alle sue radici moderniste, dall'altro l'eleganza minimal, contaminata da tocchi artistici e boho, rivela la personalità eclettica dei proprietari.

© Ilana Bessler

Questa doppia anima appare evidente appena si varca la soglia. A fare da raccordo tra il caos metropolitano di San Paolo e l’allure sofisticata e placida dell'interno è infatti un vestibolo che non si limita certo ad essere un luogo di passaggio. Coi suoi muri scrostati e i suoi mattoni a vista, su cui spiccano opere di artisti di strada come BLU e Interesni Kazki, il vestibolo ostenta il suo carattere urbano e raw, a contrasto con ciò che lascia intravedere del resto della casa. Di fronte a noi compare infatti una parete candida, tagliata orizzontalmente da blocchi di marmo, posati a terra o sospesi, su cui sono incastonati moduli in legno. È la libreria realizzata ad hoc, in cui trovano posto riviste e CD, un gioco di volumi e linee affilate che rivela chiaramente l'ispirazione modernista del restyling.

© Ilana Bessler

Dal vestibolo passiamo dunque al cuore della casa, una zona living che incorpora cucina e salotto, in uno spazio aperto e fluido, dove i muri preesistenti sono stati abbattuti per dilatare l'ambiente e inondarlo di luce. A marcare lo stacco tra un’area e l'altra ci pensano i materiali diversi scelti per pareti e pavimenti. Ecco allora che la cucina abbandona il parquet presente nel resto della casa, per indossare un abito su misura fatto di piastrelle bianche esagonali che la avvolgono fino al soffitto. I complementi e gli elettrodomestici total white amplificano ulteriormente la separazione visiva rispetto allo spazio circostante, che al bianco affianca toni caldi e pennellate di colore acceso.

© Ilana Bessler

Basta guardare l'altra libreria che delimita la sala per apprezzarlo: qui al posto dei blocchi corposi di marmo e legno troviamo sottilissimi fogli metallici bianchi. Il design puro ed essenziale è ravvivato da un dettaglio inatteso: una nicchia in legno giallo brillante che ricorda le finestre delle chiese armene. Incastonata tra gli scaffali, questa porzione anomala e audace della libreria trae spunto dal film “Il colore del melograno” del regista sovietico Sergei Parajanov, una velata allusione alle origini dei proprietari della casa.

 

© Ilana Bessler

Per gli arredi, gli architetti di Pascali Semerdjian hanno attinto a piene mani al modernismo europeo, in particolare scandinavo, degli anni 50. Ci sono le sedie Papa Bear di Hans Wegner, la poltrona Pernilla di Bruno Mathsson, la sedia a dondolo di Frederik Kayser e il tavolino da caffè Minerva di Peter Hvidt. Opere di artisti brasiliani e fotografi giapponesi completano il quadro, in un perfetto equilibrio tra gusto retrò, boho style e appeal contemporaneo.

© Ilana Bessler

Lo stesso mix caratterizza anche la camera da letto dal sapore minimal e boho chic, dove il pezzo forte è la testiera in pelle, con il suo motivo grafico incisivo, corredata da due comodini fuori dal comune: si tratta infatti di semplici lastre di pietra grezza che sporgono dal muro, sorrette da un supporto in acciaio. Un altro dettaglio unico e grintoso, un’altra scelta peculiare, che ci racconta una casa dalla spiccata personalità, che va fiera delle sue tradizioni ma non si lascia intrappolare nella nostalgia.

www.pascalisemerdjian.com

LEGGI ANCHE:
Boho-chic per un hotel a Tulum
Design e vintage all'hotel Henriette di Parigi
Arredamento vintage: idee e mobili di design


di Elisa Zagaria / 23 Ottobre 2017

CORNER

Case collection

[Case]

Postmoderno a Londra

Cosa succede se togli i mattoni e metti il pink millenial

Restyling

[Case]

Minimal a Palazzo Pamphilj

In un palazzo storico di Roma un appartamento dai toni soft

Restyling

[Case]

AAA cercasi appartamento

A Versailles 28 mq diventano una reggia rosa pastello

Mini case

[Case]

Una casa scolpita

Felipe Rodrigues firma in Brasile una casa scultorea e irregolare

Casa moderna

[Case]

Sofisticatezza contemporanea

Il restyling di una casa vittoriana a Melbourne firmato The Stylesmiths

Casa moderna

[Case]

La casa che respira

Un'architettura tropicale per abitare a piedi nudi

Casa moderna

[Case]

Plastica e scultorea

A Sydney una casa in cemento, sorretta da un unico pilastro

casa moderna

[Case]

Volevi la luce?

A Taiwan l’appartamento più luminoso del mondo

Restyling

[Case]

Minimalismo cubista

Areia, complesso residenziale sospeso tra il mare e il deserto

Casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web