ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Boiserie in legno, specchi da parete e composizioni cromatiche per la ristrutturazione di una casa anni '70 a Milano

Pareti in legno, specchi per ampliare gli spazi e un progetto di composizione cromatica per donare personalità ad una casa nel centro di Milano

L’arrivo del piccolo Leonardo, il secondo figlio, dopo Lavinia, della coppia di architetti Lorenza Marenco e Fabio Azzolina, ha portato un piacevole scompiglio nei loro ritmi di vita. Da qui l’idea di ripensare gli spazi di un appartamento anni ’70 che aveva il grande pregio di una vista aperta, protetta da vincoli archeologici, sul verde e su Milano, tra Sant’Ambrogio e piazza Vetra.
L’affaccio, lo sguardo verso il cielo, il vuoto davanti erano elementi talmente importanti per Lorenza da farle dimenticare la voglia di una dimora d’epoca con soffitti alti, stucchi e parquet antichi. «Sono cresciuta a Genova in una casa di fronte al porto», racconta.«Guardavo le luci, le navi arrivare e sparire nell’orizzonte, e pensavo a quando sarei andata via, a quanto avrei potuto viaggiare per conoscere persone e luoghi lontani. Ho sempre creduto nella vita come opportunità di crescita e di conoscenza del mondo, ai miei figli volevo dare questa sensazione di apertura, anche fisica, sulla città».
Il progetto di ristrutturazione riguarda principalmente la zona di ingresso e ha lo scopo di creare assoluta corrispondenza tra living e cucina, oltre a isolare maggiormente la zona notte. Di questo si occupa Fabio che riassume così il suo intervento: «Ogni nuovo inizio porta a rimescolare le carte, è stato un momento entusiasmante, entrambi amiamo fare esperienze diverse. Il mio è stato un approccio al progetto più maschile, forse più pragmatico, dove emergono il concetto, la divisione dello spazio, la risposta a nuove esigenze. Lorenza ha avuto un atteggiamento più poetico, onirico alla ricerca del bello, anche se imperfetto. Ma alla fine la mia risposta è sempre stata: fai tu, sono certo che la nostra casa sarà bellissima».
Il più interessante e originale intervento occupa l’intera parete d’ingresso. È una boiserie a tutt’altezza, composta da quinte vestite di colore che, come una scatola magica, si aprono per creare continue sorprese.
Come quelle generate dallo specchio, inserito in uno dei pannelli, che moltiplica lo spazio e riflette il verde del terrazzo, o della porta a tutt’altezza, che consente la visione o la negazione. Una particolare energia nasce dalla predisposizione a creare relazioni tra culture diverse e dall’amore spontaneo per l’arte. Vissuta come nutrimento dello spirito, ma anche come ispirazione nel disegno di oggetti quotidiani della cucina.
Nella zona notte, timbri cromatici e sfondi decorativi per ogni stanza, gioiosi nelle camere dei figli, soft nella camera padronale.

«Il colore è una sfida difficile», riprende Lorenza. «Lo preferisco in una dimensione compositiva studiata che spesso contribuisce a sottolineare e dare personalità a un elemento architettonico.

L’opera di Franco Fontana ‘Fotografia di Milano’, espressione astratta di un insieme di colori come blu, senape, grigio mi ha sicuramente condizionata nelle scelte cromatiche. Amo tutte le arti visive, in particolare la fotografia.
In soggiorno il lavoro di Luisa Lambri ‘Untitled’, Laserchrome print del 2005, mi comunica l’idea dell’infinito sconosciuto: cosa ci sarà dietro la luce che irradia dagli scuri socchiusi di una finestra della Barragán House? Io penso sempre a paesaggi bellissimi e all’energia di un mondo che corre veloce, che non mi fa paura, ma mi spinge a fare sempre di più».
Dopo la laurea in architettura a Genova e un’esperienza che definisce estremamente formativa accanto all’architetto John Pawson, approda nel 1999 allo studio di Piero Lissoni e, in un crescendo di responsabilità su grandi progetti pluripremiati a livello internazionale, diventa associata della Lissoni Architettura a Milano e a New York.
«Il mondo del progetto mi piace e mi diverte, mi riconosco totalmente nella visione innovativa, equilibrata e allegra che Piero Lissoni ha del nostro lavoro. Viaggiando tra Oriente e Occidente cerco interconnessioni tra culture così diverse, e mi riesce facile tenere in equilibrio i rapporti tra la committenza e lo studio. Ho la fortuna di creare e lavorare in team dove c’è scambio, ricerca, crescita comune. Le mie giornate tra lavoro e famiglia sono intense, per fortuna posso contare su validi aiuti, come quello di un’amica come Alexandra Van Der Sande, che ha gli stessi miei occhi e mi ha aiutato a preparare la casa per questo servizio di Elle Decor».

SCOPRI ANCHE:

Casa total white in Catalogna
Restyling a Barcellona
Villa con piscina nella campagna bolognese


di Rosaria Zucconi / 10 Agosto 2016

CORNER

Case collection

[Case]

Dinamici equilibri

La casa di Luca Bombassei in un palazzo d'epoca milanese

restyling

[Case]

Ritratto contemporaneo

Opere d’arte e design del Novecento nella casa di Carlo Prada

restyling

[Case]

Biblioteca con cucina

Libri, opere d'arte e poesie nella casa di Antonio Gnoli a Roma

Roma

[Case]

Un rifugio in collina

Il fascino della villa Anni 30 rivisitata in chiave contemporanea

Casa con giardino

[Case]

Abitare a due passi dal mare

A Pantelleria la ristrutturazione di un piccolo antico dammuso

Casa al mare

[Case]

Restyling a Saint-Germain

Nuove relazioni tra gli ambienti in un appartamento a Parigi

Restyling

[Case]

Volumi sospesi a Nepi

Tra pieni e vuoti un progetto d'interni di Massimo Adario

restyling

[Case]

Una casa al mare in Salento

Ristrutturare una villa frontemare da vivere tutto l'anno

Casa al mare

[Case]

Sweet Belvedere

Semplicità monastica e pezzi di design in una villa in Sud Africa

Casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web